Utente 503XXX
Salve a tutti,
Avrei una curiosità da soddisfare: dalla settimana scorsa è apparsa una "pallina" molto dolorante (un dolore molto acuto e pungente) che non mi permette di rimanere in piedi né tantomeno di stare seduto.
Inizialmente ho creduto fosse una trombosi emorroidaria ma andando dal proctologo è stata riconosciuta come ragade.
Il mio dubbio sta nel fatto che non ho dolori durante la defecazione. Ho dolori solamente quando muovo le gambe o quando comunque si genera una frizione sul gonfiore stesso. Per l'entità del gonfiore purtroppo non ho oggetti di paragone, vi so dire solo che il diametro di tale "pallina" raggiunge i 3cm in larghezza ma non è particolarmente alta (sarà un centimetro in altezza).
Il dubbio è alimentato dal fatto che ho avuto lo stesso identico problema 2 anni fa, nella stessa posizione e con le stesse sensazioni. Perciò il medico mi ha detto giustamente che è una problematica recidiva. La grande analogia tra 2 anni fa e questo periodo è che ho rapporti sessuali molto frequenti (rapporti eterosessuali senza pratiche anali nei miei confronti). Non che nei due anni non li abbia avuti, però adesso li ho con maggiore frequenza e intensità. Durante il rapporto sessuale tendo a contrarre la muscolatura pelvica (suppongo sia prevalentemente il pubococcigeo a subire questo "stress") per rendere il rapporto più duraturo (dall'inizio della penetrazione può durare anche 30/40 minuti).
Quindi, sostanzialmente, il dubbio nasce dal fatto che non ho dolori durante la defecazione e da questa coincidenza di intensificazione di rapporti sessuali. Purtroppo ancora non ho studiato Patologia (sono al III anno di Medicina) ma ho sempre carpito che la ragade sia effettivamente una lesione del canale anale per cui non mi spiego come non senta dolore durante la defecazione...
Nel frattempo seguirò il trattamento farmacologico che mi ha prescritto il proctologo: Crema rettale Antrolin per via endorettale 2 volte al giorno).

ps. dimenticavo, il gonfiore e quindi la ragade, a detta del medico, si trova anterolateralmente nel canale anale. Suppongo sia una posizione piuttosto rara per questo tipo di lesione.
Grazie per la considerazione, buon lavoro!

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Le sue considerazioni sono sensate, resta il fatto che alla visita la diagnosi e' stata ragade, anche se il dolore in effetti non e'tipico.Puo' sentire una seconda opinione.Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it