Utente 505XXX
Buongiorno dottore, sono una donna di 36 anni. Circa sette settimane fa sono stata operata per la rimozione chirurgica di una ragade anale, posta ad ore 6. Venivano altresì diagnosticate, ma non rimosse, una marisca ad ore 12 e delle emorroidi di secondo grado ad ore 4 e 7.
Dopo due settimane alla visita di controllo il decorso risultava normale, pur persistendo del dolore.
Quattro settimane dopo l'intervento trascorrevo dieci giorni di vacanza al mare, nel corso del quale cominciavo ad avvertire dolori crescenti e sempre maggiori problemi alla defecazione. Ad ulteriore controllo risultava delle nuove ferite ad ore dodici, con tutta la zona circostante gonfia, molto dolorante e pulsante. Dalle analisi del sangue risultavano globuli bianchi a 11,1 (ma io li ho sempre un po' alti). Mi veniva prescritto l'uso della pomata rectogesic in attesa di una nuova visita la settimana prossima. E' possibile che si tratti di una recidiva a così breve distanza di tempo? Può essere qualcosa di maligno? Può dipendere dal soggiorno al mare?
Sono molto triste e depressa, speravo di aver risolto il problema e invece sto peggio di prima...
Posso mandarvi in qualche modo delle foto della ferita?
Grazie in anticipo per l'aiuto.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, la foto dice poco, occorre una visita di controllo, in considerazione alla domanda sulla recidiva di ragade, può succedere, ma senza una visita non è possibile dare una risposta attendibile.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza