Utente 543XXX
Buongiorno,

sono un ragazzo di 30 anni e circa 3 anni fa sono stato operato per un ascesso perianale. A distanza di 20 giorni è stata individuata la fistola che è stata operata 4 mesi dopo.
La ferita non si è mai cicatrizzata e un anno dopo il chirurgo dopo visite procto ed ecografie ha deciso di programmare un intervento esplorativo nel quale alla fine mi ha detto che era presente un piccolo vaso di pus che ha provveduto a pulire. Procedo per mesi con le medicazioni, ma la ferita comunque non intende chiudersi e continua a spurgare liquido. A distanza di 5 mesi dall'intervento viene di nuovo individuata la fistola e messo il setone che ho tenuto per 6 mesi. Mi viene eseguita a febbraio 2019 l'ennesima fistulectomia e ad oggi le ferita non si è ancora chiusa, o meglio, si chiude per un breve periodo per poi riaprisi in un piccolo foro espellendo liquido marroncino. Sono 3 anni che litigo con questa odissea e non so più che pesci pigliare. Tutte le medicazioni sono state effettuate con lavaggi e zaffi e mi è stata consigliata l'applicazione della crema Ozonia e non ho più effettuato sport o frequentato piscine per evitare inconvenienti nella guarigione. Potrebbe essere l'inizio di un'altra fistola dopo 4 interventi? Potrebbe essere il caso di farmi vedere da un altro chirurgo?

grazie

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, se la sua situazione diventa così complessa, direi che potrebbe giovarsi del consulto di un altro proctologo, operante presso un reparto dedicato, con una diagnostica più accurata, al fine di comprendere bene il tipo di fistola e quindi il trattamento eventuale più specifico.
Saluti
Dr. sergio sforza
http://www.medicitalia.it/sergiosforza