Utente 510XXX
Buongiorno,
Mi vergogno un po’ a porre questa domanda, ma avrei bisogno di un chiarimento.
Durante un rapporto anale (io passivo) il mio compagno mi ha penetrato l’ano prima con due dita e poi con tre.
Non c’è stata forzatura ne perdita di sangue, e di è poi seguito il rapporto senza problemi.
La cosa si è ripetuta in un altro paio di occasioni senza problemi.
Ad oggi però, dopo circa tre settimane dall’ultimo rapporto, noto che l’ano a riposo appare sempre un po’ dilatato e offre una minore resistenza in fase di inserimento di dita (non ho avuto altri rapporto ad oggi).
Io non capisco, tre dita equivalgono ad un pene di dimensioni normali e non pensò costituisca una forzatura: possibile che ciò mi abbia causato una dilatazione permanente dell’ano?
Non ho perdite di sangue ne di feci, è tutto a posto, ma l’ano appare sempre un po’ più aperto e meno stretto se si tenta di aprirlo.

Ho causato qualche problema? La situazione tornerà alla normalità tra qualche tempo?
Grazie mille per la cortesia e spero in una risposta

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
È possibile che, dopo una divulsione manuale,l'ano rimanga beante ed offra meno resistenza alla penetrazione.
I tempi di recupero possono essere più o meno lunghi.
Utile una valutazione proctologica.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com