Utente
Buongiorno
Sono una donna di 50 anni.
Circa due mesi fa il chirurgo mi ha diagnosticato la ragade anale.
Ha prescritto: Levorag (2 v al giorno), Fisian detergente e Psyllogel megafermenti.
Una cura di 20 giorni.
Qualora non fosse stata efficace, sarei dovuta ritornare.

Devo dire che durante la terapia ho sentito molto sollievo e completamente libera dai dolori e dai soliti disturbi.

Tuttavia, terminata la terapia, dopo un paio di giorni il fastidio è ritornato e dopo qualche giorno anche un leggero sanguinamento dopo la defecazione.

Nella situazione sanitaria attuale preferirei evitare di uscire e non ho la possibilità di contattare il chirurgo che mi ha visitato, quindi volevo sapere se, nel frattempo, posso ripetere la terapia.

Ringrazio anticipatamente della risposta.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente può ripetere il ciclo, ma una visita di controllo dovrà programmarla.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2]  
Dr. Antonio Tori

24% attività
20% attualità
12% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buongiorno,
le ragadi anali guariscono con la terapia medica solo nel 15% dei casi e molto spesso è una guarigione apparente e si ripresentano a distanza di mesi.
Purtroppo abita lontano da me!
Con un piccolo intervento in anestesia ocale di divulsione lei guarirebbe in un attimo!!
saluti !!
Dr. Antonio tori

[#3] dopo  
Utente
Ringrazio i due dottori per le tempestive risposte. Spero di poter al più presto programmare la visita. Intanto ripeto la terapia.
Ringrazio ancora di cuore!

[#4]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente se il suo proctologo le dirà che la sua è una ragade con caratteristiche non palesemente croniche sulla quale esiste la possibilità di una guarigione con trattamento conservativo, vale la pena continuare, altrimenti ritengo che lo specialista stesso le prospetterà un trattamento chirurgico.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza