Utente
Salve, vorrei il vostro illustre parere in merito ad alcuni timori che mi accompagnano.
questa la mia storia: a giugno 2020 mi reco in prontosoccorso x forti dolori addominali accompagnati da febbre e malessere generale.
Eseguo eco addome completa che evidenzia distensione di anse del piccolo intestino, a contenuto fluido, con peristalsi almeno in parte conservata di significato sub-occlusivo da valutare con TC, quindi eseguo TC con e senza contrasto che evidenzia una marcata gastrectasia, discreta distensione liquida, con alcuni livelli idroaerei, delle anse digiunali e ileali, senza evidenti significativi salti di calibro, in presenza tuttavia di plurimi segmentari tratti ileali costantemente contratti con pareti lievemente ispessite e dotate di enhancement (floglosi?).
Modesta falda liquida tra le ultime anse ileali e in scavo pelvico.
Voluminoso fecaloma rettale.
Vengo sottoposto a trattamento clisma fleet con abbondante beneficio ed emissione di feci normocromatiche senza tracce ematiche.

Conclusione: quadro compatibile con ileite.

Seguo nei 15 giorni successivi terapia con mesalazina, metronidazolo, ciprofloxacina, pantiprazolo.

Dopo 1 settimana dalle dimissioni esami ematochimici tutti nella norma.

A distanza di un mese inizio ad avvertire, ogni volta dopo essermi scaricato, un fastidioso prurito/bruciore perianale e al protrarsi del sintomo eseguo, dopo consulto medico, esame emocromocitrometrico con formula (tutto nella norma), proteina c reattiva (nella norma), ANCA (nella norma), A:Anti saccharomyces cerevisiae IgG e IgA (nella norma), CALPROTECTINA FECALE (56), quindi secondo il mio medico curante tutto ok.

Il prurito fortunatamente piano piano se ne va ma ultimamente è subentrata irregolarità nello scaricarmi e dolorini addominali e stitichezza, ma la cosa che più mi preoccupa è che da circa 3/4 giorni mi scarico con una insufficente quantita di feci e le feci stesse sono insolitamente sottili (x capirci grandi come il mignolo della mano) e morbide.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, le feci sottili non rappresentano nulla di preoccupante, ma il discorso della sospetta ileite va indagata meglio con una visita gastroenterologica ed eventualmente esami radiologici e strumentali mirati che lo specialista vorrà richiederle.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille x la celere risposta. Il mese scorso ho fatto una visita di controllo da un medico gastroenterologo il quale mi ha prescritto esami ematici e una colonscopia che eseguirò la prossima settimana e dalla quale spero di riuscire a capire il mio reale problema.

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Bene, colonscopia con visione dell’ultimo tratto ileale ed eventuali biopsie.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza