Utente 119XXX
Buongiorno. Da circa un anno e mezzo, a seguito di un episodio di stipsi con sforzo eccessivo, ho constatato la comparsa di una "pallina" dura sulla superficie dell'ano, che spuntava ogni volta che mi sforzavo particolarmente nel defecare. Tuttavia, siccome la suddetta "pallina" rientrava spontaneamente dopo pochi minuti non le ho mai dato peso. Due giorni fa, a seguito di una situazione particolare (seduto 6 ore su una sedia piuttosto rigida e scomoda)ho avvertito un senso di fastidio e mi sono poi accorto della presenza della solita "pallina", solo che questa volta non è più rientrata. Ieri il medico mi ha visitato ed ha diagnosticato una Emorroide trombizzata. Mi ha quindi prescritto una cura di 5 giorni con pastiglie Emortrofine, oltre ad una pomata "Luan" anestetica per placare i sintomi.
So bene che la cura non fa in modo di risolvere definitivamente il problema emorroidi; volevo capire se perlomeno sia possibile che l'emorroide trombizzata rientri, tornando alla condizione a cui mi aveva abituato nell'ultimo anno, magari per poi ripresentarsi fra qualche settimana o mese? Oppure è solo una cura palliativa e la "pallina" ora che è uscita resterà comunque lì, costringendomi al ricorso alla chirurgia in tempi brevi? (mi opererei comunque, ma se rientra e "sta buona" aspetteri dopo le vacanze).
Vi ringrazio anticipatamente per le risposte. Cordiali Saluti.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
L'emorroide trombizzata si sgonfiera'. Rimane pero' il fatto che, quando sara' passata la fase acuta, si dovra' sottoporre ad un Visita Proctologica accurata per valutare la presenza e l'eventuale entita' della patologia emorroidaria e predisporre le dovute contromisure.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente 119XXX

La ringrazio per la gentile e repentina risposta. Ne approfitto per chiederle un chiarimento: quando lei dice "si sgonfierà", intende che diminuirà di dimensioni restando sul bordo dello sfintere, oppure anche che rientrerà tornando ad essere non visibile com'era fino a due giorni fa? E poi un informazione: di solito utilizzo la vasca da bagno per lavarmi; posso continuare nella fase acuta o devo usare la doccia? Grazie ancora e buon pomeriggio.

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
La doccia e' sempre consigliabile perche' e' comunque piu' igienica, ma non e' un dramma se usa la vasca da bagno...
L'altra sua domanda invece mi fa venire il dubbio che la diagnosi non sia corretta, o che comunque oltre all'emorroide trombizzata ci sia qualcos'altro. La pallina infatti si sgonfia, mentre un gavocciolo emorroidario puo' rientrare... Mi scusi, ma non e' facile "interpretare" quello che lei ci scrive senza avere la possibilita' di guardare... Per quanti sforzi io faccia ho paura di non riuscire ad immaginare esattamente come stiano le cose. Credo che sia opportuno, come gia' le dicevo, sottoporsi ad accurata Visita Proctologica non appena la fase acuta sara' terminata...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente 119XXX

Buon pomeriggio. Mi sono recato dal proctologo in quanto le cure del medico curante non sembravano fare effetto. Lo specialista mi ha diagnosticato emorroidi di secondo grado di cui una trombizzata. Mi ha prescritto ua cura di 15 giorni con pastiglie Prisma dopo i pasti e pomata hirudoid per fare sgonfiare il coagulo, oltre ai semicupi con anonet. La cura stava funzionando bene in quanto dopo appena 3 giorni non avevo più dolore e il rigonfiamento cominciava a ridursi. Senonchè da ieri pomeriggio ho notato un punto nero/rosso scuro, in un lato del rigonfiamento e da allora sanguino ad ogni defecazione, ad ogni contatto di carta igienica e se sto seduto(non mi sto dissanguando, beninteso). Non ho alcun dolore, comunque, solo un leggero fastidio. Lunedì tornerò in anticipo dal proctologo ma nel frattempo mi consigliate di continuare ad applicare la crema e prendere le pastiglie? Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Credo che la cura debba essere continuata. Del resto se il dolore e' minimo o nullo, e se il sanguinamento non e' esagerato, credo che la diagnosi espressa dal Proctologo sia assolutamente verosimile.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com