Utente 123XXX
Salve dottore, le scrivo un informazione. Mi è stato diagnosticato un melanoma a diff. superficiale a cellule epiteliodi in iniziale fase di crescita verticale (clarck III, Breslow 1.0 mm) con focale ulcerazione della cute e moderata risposta linfocitaria peri ed intra-tumorale, a moderato indice mitotico. A distanza di meno di trenta giorni dalla diagnosi mi è stata fatta linfoscintigrafia e asportazione del LS ed ho effettuato l' allargamento dei margini di exeresi iniziali. Sia il frammento di cute asportato che il LS asportato sono risultati NEGATIVI all'esame isto-patologico.

Quello che volevo chiederle è:

- posso essere sicuro dei referti? Esiste la possibilità di falsi negativi?
- è possibile far visionare i preparati istologici presso altri servizi di anatomia patologica

ma la cosa più importante che vorrei sapere è se posso stare più tranquillo (anche se so benissimo di dover continuare a controllarmi) e ritenere così scampato il pericolo per la vita?

e' scongiurato il pericolo di metastasi?

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Ben sapendo che ogni paziente è libero di richiedere i vetrini ed il blocchetto istologico (sono di proprietà del paziente) e portarlo dove vuole, sappia che gli esami IMMUNOISTOCHIMICI effettuati sul linfonodo sentinella ad oggi sono in grado di porre una diagnosi di certezza.

Segua il follow-up (controlli ed esami periodici) dettato dai suoi spacialisti e massima serenità.

In bocca a lupo e torni pure ad aggiornarci se vorrà

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 123XXX

Si dottore ma non mia ha detto se c'è ancora il rischio di sviluppare metastasi in futuro. Grazie

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il rischio di metastasi a distanza(che mi perdoni ma non può essere certo disposto da una sede telematica) è direttamente proporzionale:

1. allo spessore iniziale del melanoma (maggiore è lo spessore di breslow più alto è il rischio)

2. alla presenza di metastasi linfonodali

Non si possono dare percentuali e sarebbero inutili in questo caso.

La buona notizia è la negatività del linfonodo sentinella che cambia di moltissimo ed in senso favorevole la prognosi.

Non credo si possa aggiungere altro di sensato in questo momento.

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it