Utente 169XXX
Gentili dottori, quest'inverno, seppur nn sia esageratamente freddo, mi sono comparsi i geloni sulle mani. Appaiono sulle nocche delle dita come tumefazioni violacee e gonfie che prudono e fanno molto male soprattutto se vanno a contatto con gli oggetti. Sono anche abbastanza antiestetici! Ho sempre avuto mani e piedi freddi nei mesi invernali ma i geloni nn li ho mai avuti. Oltrettutto mi provocano un enorme fastidio quando lavoro. Cosa mi consigliate? Premetto che uso la pillola anticoncezionale Belara, ed è risaputo che crei problemi di circolazione.... Grazie, Francesca.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna

44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile signora, quello che lei descrive è, per una buona meta' dei casi, da annoverare come un'accentuata sensibilità personale allo stimolo del freddo. Nella restante percentuaule dei casi, però, i suoi sintomi vanno inquadrati come un'alterazione vascolare nota come “fenomeno di Raynaud”. Quest'ultimo può essere a sua volta una malattia essa stessa (fenomeno di Raynaud primario) ad andamento benigno e tendente a scomparire nel tempo, oppure espressione di condizioni più serie (fenomeno di Raynaud secondario) della famiglia delle patologie autoimmuni o delle collagenopatie quali la Sindrome di Sjögren, la Sclerodermia, l'Artrite Reumatoide ed il Lupus Eritematosus presenti in forma subclinica e non riconoscibile se non con alcune indagini di screening laboratoristiche (emocromo, fattore reumatoide, proteina C reattiva, complemento C3 e C4, crioglobuline, elettroforesi sieroproteica, ANA) e strumentali (capillaroscopia, tracciato doppler). Tali esami, quindi, da intraprendersi in accordo con il suo medico curante, sono importanti per distinguere una condizione che, seppur fastidiosa, tende ad autolimitarsi nel tempo da patologie più serie con andamento cronico ed, alla lunga, invalidanti.
Cordiali saluti,
Dr. Nicola Verna
Dr. Nicola Verna
http://verna.blog.tiscali.it/