Utente 157XXX
Buongiorno,
ad esito di un incidente in cui avevo riportato un'escoriazione nella zona della fronte, mi sono sottoposto ad una seduta di laser per trattare la cicatrice, qualche giorno dopo la caduta della crosta. Da allora non solo la zona interessata è più evidente, ma si è anche formato un indurimento sottocutaneo di qualche centimetro che mi è stato detto essere una possibile fibrosi e che nonostante le creme non accenna a scomparire.
Vorrei sapere se è possibile che sia stato il laser la causa di tale formazione fibrotica sottocutanea e se ci sono rimedi.
Molte grazie

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz,
a parte la difficoltà di capire quale laser sia stato usato e come, è impossibile determinare alcunchè in assenza di visita.
Allo stesso modo ancor più difficile è proporre terapie.Ci dispiace non poter essere più utili.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 157XXX

Dottore buongiorno e grazie per la sua risposta.
E' stato utilizzato un apparecchio laser che si chiama Dye Laser pulsato V Beam Platinum Candela. La seduta è stata effettuata a circa una decina di giorni dall'incidente, non appena caduta la crosta. Si trattatava di una ferita alla quale non sono stati applicati punti. Da subito ho rilevato un rigonfiamento e un indurimento sottocutaneo, prima assenti, che sono rimasti fino ad oggi sia pure in misura leggeremente meno accentuata. In particolare, mentre il gonfiore si è sostanzialmente riassorbito, l'indurimento sottocutaneo è rimasto e alla vista appare anch'esso come un leggero rigonfiamento.
Molte grazie e cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Il Dye laser Candela è un apparecchio di alto pregio che difficilmente può creare danni in mani esperte. Viene utilizzato per migliorare l'aspetto delle cicatrici recenti con buoni risultati. Sono necessarie alcune sedute distanziate di almeno 40 giorni. Le raccomando di rivolgersi al professionista che effettua i trattamenti per ogni dubbio al proposito.
Cordiali saluti

Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena