Utente 710XXX
Buongiorno,
Il giorno 07/11/2010 ho avuto una fellatio non protetta, a distanza di 2 settimane (il 21/11/2010) ho iniziato ad avvertire un fastidio al testicolo destro inizialmente non mi sono preoccupato in quanto pensavo fosse dovuto al fatto di indossare un abbigliamento poco comodo e di stare parecchio tempo seduto o in macchina (sopratutto in quest'ultimo caso il fastidio è più presente).
Provando a dormire la notte senza mutande ho trovato sollievo ma il giorno dopo in tarda mattinata o la sera il problema si è ripresenato.
Da circa quatro o cinque giorni ( il 24-25/11/2010 circa) il fastidio si è "allargato" su entrambi i testicoli che comunque al tatto non mi fanno male (al mio tatto in quanto sono sempre stato sensibile in quella zona e non gradisco fami toccare neanche dalla mia compagna durante un rapporto).

Giusto per intenderci il fastidio è tipo quello che si presenta quando si indossano indumenti stretti o non si eiacula da un pò, quindi oltre i testicoli sembra che sena fastidio anche un pò più internamente tipo alla base inguinale.

-Il fastidio è più accentuato quando indosso mutande, sia in posizione eretta sia sdraiato, sia seduto.
-da sdraiato senza mutande quando mi metto di lato è leggero.
-da sdraiato senza mutande a pancia in alto o in giù e con gambe leggermente divaricate non da fastidio.
-senza mutande quando sto in piedi non si presenta, mentre seduto certe volte no altre è molto leggero.
- tenedo lo scroto con la mano mentre sono seduto ho un senso di sollievo, con le mutande ho fastidio.

Premetto che tre giorni dopo il contatto orale sono andato a fare una visita da un dermatologo venereologo il quale non ha riscontrato niente a livello visivo ed al tatto dei linfonodi inguinali.
Lo stesso mi ha detto che fare dei test per le MTS in questo momento non era opportuno in quanto i periodi di incubazione variavano, quindi mi ha detto di ripresentarmi se avessi presentato sintomi tipo prurito, bruciore, secrezioni, pustolette, ma non ha menzionato il fastidio ai testicoli. Mi ha comunque detto di fare il test appena si presentava un sintomo e quello per l'hiv a non meno di tre mesi dal contatto. Mi ha anche rassicurato dicendomi che prendere una mts con questo tipo di contatto era abbastanza difficile.

Ad oggi non presento ancora alcuno di questi sintomi da lui descritto.

Ora in base a quello che vi ho scritto vorrei sapere se seconvo voi il sintomo da me presentato può essere collegato alla fellatio avvenuta il giorno 07 o è indice di qualche atra cosa?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
sul fatto che anche con il rapporto orale si possano contrarre patologie infettive siamo d'accordo.
Essere andato dal dermovenereologo è già un buon punto di inizio, faccia certamente la serie di accertamenti per MTS, e magari aggiunga una ecografia scrotale.
Ci faccia sapere.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 710XXX

ieri pomeriggio ho fatto la visita da un urologo-andrologo, e dopo un accurato esame (ecografia di cui anche una rettale) ha diagnosticato una PROSTATITE CONGESTIZIA, una EPIDIDIMITE, e una leggera URETITE, il canale rusulta un pò arrossato (che ovviamente io ho associato alla fellatio del giorno 07/11/2010 ma il dottore dice che non c'è relazione) e a giudicare dall'infiammazione presuppone sia li già da almeno un mese mentre io accuso fastidio solo da poco più di 2 settimane, da curarre con:

-PEPTAZOL 40 mg prima di colozione per 14 giorni;
-CIPROXIN 1000 RM dopo colazione per 7 giorni;
-SABA 320 mg 1 pastiglia dopo pranzo per 2 mesi;
-IPERTROFAN 40 mg 1 pastiglia dopo cena per 2 mesi;
-BRUFEN 600 mg 1 dopo colazione e 1 dopo cena.

mi ha prescritto da fare in seguito uno SPERMIOMORFOCITOGRAMMA da fare a marzo 2011, e una SPERMICULTURA da fare a febraio 2011 (per MTS).

Da aggiungere che la prostata risulta ingrossata di circa un terzo e che presenta della calcificazioni abbastanza spesse alle quali attribuisce un età di circa 18-20 anni.

Vorrei sapere:
1) cosa ne pensa, se concorda?
2) anche lei non trova relazione con la fellatio?
3) questa infiammazione è associabile al fatto che a luglio di quest'anno ho fatto un viaggio in moto durato 2 settimane per un totale di 5000 Km?
4) ma se con i baci , a meno che non ci sia sangue, il virus dell'HIV non si contaggia, perche con una fellatio sempre in assenza di sangue il rischio si corre?

grazie