Utente 187XXX
Da alcuni mesi combatto con un fungo che va e viene. E' situato sull'interno coscia sinistra, e nella parte superiore del pube. E' comparso per la prima volta a maggio, mentre ero in viaggio in Nepal. Ad un ospedale locale mi sono state prescritte delle compresse antimicotiche che ho preso per 3 settimane, e l'applicazione di una lozione sulla zona interessata, ed il fungo sembrava essere andato via. Si è però ripresentato dopo due mesi, quando mi trovavo in India, nella stessa zona del corpo. Questa volta mi è stato prescritto inizialmente solamente una pomata (in Turchia, credo fosse Travocort), che non ha funzionato, e successivamente, tornato in Italia, delle sole pasticche che non hanno avuto effetto definitivo. Successivamente il mio medico curante mi ha prescritto l'applicazione di Decoderm crema, Pevaryl polvere, e l'assunzione di compresse Fungus per dieci giorni (ma che in realtà ho preso per 14 giorni). Nel frattempo ho anche cercato di lavare gli indumenti a 90° per uccidere le spore, ed utilizzato sapone di marsiglia per modificare il PH della pelle. Anche questa volta il fungo è andato via, ma ha rifatto la sua comparsa 2 giorni fa, dopo circa 2 settimane dalla scomparsa, solamente sulla coscia sinistra dove è visibile il primo "cerchietto" rossastro accompagnato da prurito.
Tutti i medici che mi hanno controllato si sono limitati ad un esame visivo o ad una diagnosi in base ai miei "racconti".
Cosa mi consigliate per debellare definitivamente il problema?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Queste forme di intertrigine, che assumiamo di origine micotica ma che al limite si può confermare con un esame colturale,sono particolarmente ostiche . Necessitano di terpie locali e generali abbastanza prolungate (anche attorno al mese) e nel contempo di un trattamento delle condizioni favorenti , generali o locali.
La recidiva può esserci e suggerisce la riconsiderazione dello schema terapeutico , in particolar modo per quanto riguarda il trattamento locale, che deve continuare con adsorbenti e protettivi dopo la guarigione.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)