Utente 177XXX
Buongiorno dottori ,
Mi sono già servita del vostro servizio e ho ricevuto risposte soddisfacenti.
Sono una ragazza che ha avuto tre melanomi sottili ripettivamente a febbraio 2009 ,giugno 2010 e marzo 2011.In più ho tolto altri nevi.In questo ultimo periodo ho tolto 7 nevi ,di cui una lentigo simplex , 4nevi composti,un nevo giunzionale con focale displasia melanocitaria e un nevo displastico.
Ora nè devo togliere uno sulla pancia che dal mese di aprile ad oggi si è modificato,non tantissimo ma è molto simile a quello che ho tolto a marzo e che era un melanoma.Anche quello di marzo si era modificato in soli 3 mesi , perchè a novembre era in un modo e a febbraio era in un altro e questa modifica in tempi così brevi ha significato una trasformazione in melanoma;quindi per questo che devo togliere ho molta paura.E' possibile che un neo si modifichi/trsformi così in fretta?????e cosa porta un neo a modificarsi così rapidamente???per esempio anche il neo che è risultato displastico si era modificato,però in 6 mesi e poi è rimasto stabile , invece quello che si è modificato in 3 mesi era già un melanoma.Io ho troppi nei atipici e questa cosa mi angoscia terribilmente.
Comunque questo neo che devo togliere e così descritto:lesione assimmetrica 9,8x7,6 pattern dermoscopico reticolare.pigmentazione disomogenea.Globuli perferici. Ad aprile che è stato mappato per la prima volta non presentava i globuli periferici. Secondo Voi una modifica in tempi così brevi è indizio di forte sospetto???
Grazie mille per il servizio.
Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
non vorrei aumentare le sue ansie, cosa che ritengo non utile.
E' chiaro che uno dei parametri (e sono tanti) di cui si tiene conto è la evoluzione , la modificazione in tempi rapidi delle lesioni , ,a solo come un indice negativo, che peggiora l'algoritmo alla basa della diagnosi.
Certamete si toglie e certamente l'istologo ci dirà tutto.
Ma non si angosci, i tempi sono compatibili con una rimozione in tutta sicurezza.
cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 177XXX

La ringrazio per l risposta dottore ,ma il fatto che ad aprile non presentava globuli periferici e ora a distanza di soli 2 mesi si,rende il neo più sospetto secondo lei???
Spero di togliere il neo e trovarlo ancora benigno al massimo displastico , spero di non trovarmi di fronte ad un altro melanoma anche se sottile.
Lei cosa ne pensa?
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
mi pare abbia ben compreso il problema, e diciamo che condividiamo gli stessi dubbi e speranze.
La parola ora deve passare all'istologo; stia comunque tranquilla sulla valutazione prognostica , che sarà senz'altro buona.
cordialtà
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#4] dopo  
Utente 177XXX

Grazie per la risposta.Io so che anche se sarà un melanoma, sarà sottile come gli altri che ho avuto e che anche se dovessi togliere il linfonodo sentinella , risulterebbe negativo come gli altri , però sarebbe pur sempre un quarto tumore maligno della pelle e questo che non accetterei.

Comunque oggi il dermochirurgo mi ha detto che per il neo che è risultato displastico devo fare l'allargamento e sinceramente non me lo aspettavo.

Ma il neo displastico viene considerato quasi come un piccolo melanoma?

Grazie infinite!!!!!

[#5] dopo  
Utente 177XXX

Buonasera,
Navigando su internet ho letto di un nuovo strumento diagnostico per la prevenzione del melanoma, il microscopio laser confocale.

E' effettivamente più approfondito della videodermatoscopia?

Ringrazio a chi di Voi mi risponderà.
Grazie.
Cordiali Saluti

[#6] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
No, il microscopio confocale è ancora in fase di sperimentazione e a tutt'oggi non rappresenta che un tentativo di perfezionare la diagnosi dermatoscopica. E' più un oggetto per la ricerca che utilizzabile a fini pratici per la diagnosi precoce del melanoma cutaneo. Un dermatoscopio ma, soprattutto, l'esperienza del professionista sono ancora gli elementi più sicuri ed efficienti.

(P.S. naturalmente lavoro anche con il confocale altrimenti non mi sarei permesso di dare un giudizio così deciso)

Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#7] dopo  
Utente 177XXX

Grazie.....io ho chiesto perchè ho trovato degli articoli inerenti l'ospedale niguarda di Milano.

Comunque a me i medici che mi seguono dicono che con la videodermatoscopia fanno fatica a capire le mie lesioni melanocitarie.

Il neo che ho tolto a Marzo non avrebero detto che si trattava di un melanoma , il nevo displastico ,per il quale mi tocca fare l'allargamento hanno detto che non sembrava displastico ma un neo un po irregolare ma ancora abb.tranquillo.

Quando ho letto del microscopio laser confocale ho iniziato a sperare che magari c'era un metodo più preciso.
Per me è impossibile che l'unico modo per evitare altri melanomi , visto che nè ho avuti già tre , sia quello di togliere più nei sospetti possibili....nè ho tanti,non posso ritrovarmi ogni 2/3 mesi a sottopormi ad sportazioni.

Va bè questo era uno sfogo.....scusatemi ,ma spero che la ricerca sul melanoma vada avanti.
Grazie per la risposta che magari mi fornirete.

[#8] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Ragazzo,
i nevi displastici NON sono melanomi e deve ancora essere dimostrata la loro capacità di diventarlo. Certamente vanno rimossi e non necessariamente radicalizzati: nella nostra struttura non è una pratica che riteniamo necessaria. Secondo altri orientamenti, in particolare statunitensi, è opportuno farlo.
Chi è affetto da sindrome da nevo displastico ha un generico rischio aumentato di sviluppare melanomi, indipendentemente dal nevo displastico stesso. Pertanto, principalmente, il consiglio è di sottoporsi a periodiche visite dermatologiche, almeno annuali. Il melanoma per l'80% insorge su cute sana e questo è ciò che ci permette di fare diagnosi precoce identificando le nuove lesioni. Per quelle esistenti il dermatologo esperto ed il dermatoscopio sono, ripeto, armi sufficientemente affidabili. Il fatto che ogni 2 o 3 mesi si debba sottoporre ad asportazioni è una scelta del professionista che, pur non discutendo, trovo davvero molto "prudente".
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#9] dopo  
Utente 177XXX

Se mi sottopongono a diverse asportazioni è perchè ho avuto tre melanomi a distanza troppo ravvicinata.

Solo il primo era su cute sana,gli altri sono nei che si sono trasformati , quello che ho avuto a marzo quest'anno è un neo che si è modificato nel giro di tre mesi,e sul referto ch c'era scritto che era un melanomaassociato a un nevo composto e displastico.

I primo melanoma l'ho avuto a febbraio 2009 , il secondo giugno 2010 e l'ultimo marzo 2011 e secondo me anche questo displastico ,visto quello di marzo , sarebbe divenato un melanoma.

Come le ho detto per il melanoma che ho avuto a marzo , i medici hanno detto che dalla dermoscopia non si capiva.
Se nnon si era modficato così in fretta , molto probabilmemte non melo avrebbero fatto neanche togliere e questo displastico pensavano che era ancora tranquillo e non me lo volevano far togliere.

Ecco perchè io sono così preoccupata!!!!!! I nei atipici che ho sono molti.
Comunque grazie.

[#10] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Sono d'accordo che possa essere un caso molto particolare e raro. Purtroppo - a maggior ragione - il confocale non le darà un grande aiuto ma solo la frequentazione con lo specialista come appunto sta facendo.
Di nuovo cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#11] dopo  
Utente 177XXX

Grazie per la risposta sincera.
Andrò avanti così anche se non è il massimo della vita,sopratutto da un punto di vista lavorativo perchè quando ho i punti non vado a lavorare perchè primo non lavoro proprio dietro l'angolo e secondo anche se faccio l'impiegata spesso e volentieri mi capita di sollevare dei pesi o di stare troppo in piedi , insomma non è un lavoro del tutto leggero.

Volevo provare a fare anche domanda di invalidità ma il mio medico di base ha detto che non serve a tutelarmi un po il posto di lavoro. secondo lei è vero?

In ogni caso spero che la nuova sportazione non sia un melanoma , seppur sottile , se no vorrebbe dire che li sto proprio collezionando.

Grazie per il servizio che offrite e molto utile.