Utente 156XXX
Gentile dottore, sono 3 giorni che mio figlio ha avuto un intervento di crioterapia per delle verruche plantari.Dopo poche ore la parte trattata si è gonfiata ed era dolorante.In serata la "bolla" formatasi era piena di sangue. Il mattino successivo il piede era tutto gonfio e dolorante con le dita livide, in ospedale gli hanno fatto una incisione per la fuoriuscita del sangue. IL dolore si è calmato ma il piede è ancora gonfio e fuoriesce sangue. La terapia prescritta:Trozocina cp per 3 giorni e dermomycin crema, poi in ospedale hanno detto di continuare con velamox. Cosa gli è successo e come dobbiamo procedere? Grazie mille e buona serata.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
la crioterapia è una terapia che si avvale dell'applicazione dell'azoto liquido, sostanza che applicata sulla cute, porta la temperatura a circa
-30 -40°C. Per cui ciò che si provoca è, di fatto, una ustione fisica, con conseguente formazione di una flittena, di dimensione variabile a seconda del periodo di applicazione dell'azoto e della quantità di azoto liquido applicata alla cute. Quello che consiglio ai miei pazienti è quello di bucare (in maniera sterile) la bolla in modo di far fuoriuscire il liquido e disinfettare. nel giro di qualche giorno si risolve in genere tutto, con "restitutio ad integrum" cioè come se la bolla non ci fosse mai stata e spesso neanche la verruca.

saluti
Luigi Mocci MD