Utente 222XXX
Anche solo per motivi estetici? Ci vuole un certificato dal dermatologo anche prima di andare da un chirurgo?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
E' ragionevole che si conosca la natura della lesione ed e' corretto farlo dallo specialista appropriato.

Saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Concordo assolutamente con il Dott. Laino: raccomando una visita dermatologica prima di ogni ablazione di neoformazioni cutanee. Anche se poi la medesima dovesse essere rimossa da un chirurgo. Gli "incidenti" in questo senso recentemente sono molto numerosi: per limitarli, oltre alla prudenza, consiglio comunque di scattare una foto di buona qualità dell'elemento trattato.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
è prassi comune ricevere richieste di asportazioni di varie lesioni ritenute disestetiche da parte dei pz.
E' chiaramente buona norma sapere esattamente cosa si andrà a togliere, onde non incorrere in incidenti di percorso piuttosto spiacevoli.
Nella pratica quotidiana avviene comunemente che lo specialista dermatologo sia in grado di effettuare una diagnosi sulla lesione già clinicamente , con l'esame obiettivo, magari coadiuvato dall'esame videodermatoscopico o altri ancora.
In questi casi , una volta che il medico è tranquillo sulla assoluta benignità della lesione , si procederà con il metodo che viene ritenuto come più idoneo , cioè quello che lascerà meno reliquati (si tratta di una richiesta legata all'estetica!)
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#4] dopo  
Utente 222XXX

Cioè? Dopo la visita ,se la malformazione è benigna,ci si può operare se lo si desidera per ragioni personali?

[#5] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Certo.
Saluti
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#6] dopo  
Utente 222XXX

Perchè sa,ho sentito dire che i chirurghi plastici sconsigliano l'asportazione arbitraria di nei o angiomi a meno che non deturpino la pelle. Io fra questi elementi,ne ho 2-3 particolarmente evidenti di cui uno fastidioso proprio perchè è rialzato e si trova in mezzo ai capelli,per cui quando mi pettino a volte sanguina;a parte questo,gli altri due mi causano problemi estetici di cui soffro da quando sono nata praticamente,ma mi sono sempre vergognata di parlarne con qualcuno...dimenticavo di dire che sono congeniti.

Spero che il mio dermatologo dopo la visita e l'accertazione della loro benignità possa acconsentire all'operazione,anche se non dovesse farmela passare alla mutua...vorrei anche ricordare che sono anche esposta per fattori genetici e di conformazione cutanea a melanomi,e purtroppo spessissimo dimentico di usare le creme protettive nelle ore più calde della giornata che trascorrevo all'aperto.

Comunque sia,ringrazio i dottori per il consulto.

Discreti saluti.

[#7] dopo  
Dr. Vito Abrusci

24% attività
4% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
L'esperto saprà fare la diagnosi e il trattamento più minimamente invasivo che sarà necessario per eliminare le sue lesioni.
I nei antiestetici non preoccupanti possono essere trattati minimizzando le cicatrici.
Cordialmente,
Dr. Vito Abrusci
Dermatologo-Chirurgo Dermatologico
Chirurgia, Oncologia, Laser ed Estetica
www.abruscivito.com

[#8] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Sia i dermatochirurghi che i chirurghi plastici asportano quotidianamente neoformazioni benigne che i pz vivono come disestetiche.
E infatti sono note le vicende di attori e conduttori televisivi che ne hanno rimossi tranquillamente dal viso., ottenendo risultati del tutto soddisfacenti. Verosimilmente NON sarà comunque a carico del SSN.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#9] dopo  
Utente 222XXX

Vi ringrazio; se dovessero esserci novità vi farò sapere...Saluti.

[#10] dopo  
Utente 222XXX

Vorrei rispondere al Dr. Brunelli...
Gli elementi che mi interessa togliere,sia per ragioni estetiche che logistiche,sono un nevo di diametro di 3 mm,un angioma che ho fra i capelli e che spesso sanguina perchè viene a contatto con il pettine...è di 1 cm o poco più ed è leggermente rialzato;un altro angioma che crea disagio estetico è sulla coscia,e ha una lunghezza di 8,5 cm e una larghezza di 2 cm.

Eccetto quello della testa,sono tutti piatti...

Mi preme chiedere un'altra informazione ai gentilissimi D.ri : ho un nevo vicino all'ascella che da ieri mattina ha iniziato a prudermi,e tal sensazione si è anche espansa per il resto della cute presente in quella zona;esso è appena rialzato,ed è circa di 2 mm...per ora l'ho solo strofinato con la mano per non farlo sanguinare;da cosa credete che possa essere originata tale sensazione?

[#11] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Ragazzo,
ti rispondo volentieri e penso che tutti i colleghi siano d'accordo con me:
- Prima di tutto la diagnosi deve essere sicura. Se si tratta di lesioni così apparentemente banali come gli angiomi può darsi lo specialista sia superfluo, ma è bene considerare comunque come fortemente raccomandata una foto prima di qualsivoglia ablazione
- I nevi "piani" non rilevati devono essere obbligatoriamente valutati dal dermatologo. Comunque la loro rimozione a fini estetici, per quanto concerne i nevi piani, passa comunque per l'exeresi chirurgica perchè con il laser non vi sarebbe vantaggio (mentre quelli molto rilevati, come detto in precedenti post, hanno un risultato estetico ottimale)
- Per gli angiomi si può scegliere tra numerosi laser vascolari a seconda delle loro caratteristiche o possono essere trattati, se di piccole dimensioni, anche con un diatermocoagulatore. In generale gli "angiomi piani" devono essere trattati con il dye laser mentre quelli "tuberosi" possono essere trattati con laser Nd:Yag oppure, se la massa è cospicua, tolti chirurgicamente anch'essi.

Cordiali saluti

Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#12] dopo  
Utente 222XXX

(Ragazza^^) Quindi i nevi "piani" non si rimuovono solitamente con il laser; mi saprebbe dire gentilmente a quali conseguenze si andrebbe incontro successivamente all'asportazione arbitraria (ovvero per motivi estetici) di questi elementi per exeresi chirurgica? Vi sarebbe la possibilità di minori danni estetici rispetto agli oggetti considerati?

Discreti saluti .

[#13] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Scusa Ragazza...
Dunque i nevi piani rimossi con il laser vengono male e non li puoi analizzare. Generalmente il "nevo piano" deve essere analizzato istologicamente e questo fatto, unitamente alla constatazione che la scelta chirurgica è migliore esteticamente, non lascia spazio ad alternative. L'exeresi chirurgica determina una cicatrice corrispondente alla lunghezza del taglio. Mai come in questo caso l'esisto estetico della cicatrice è secondaria all'abilità dell'operatore.
Spero di essere stato esaustivo, cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#14] dopo  
Utente 222XXX

La ringrazio.

Saluti.

[#15] dopo  
Utente 222XXX

L'exeresi chirurgica ha un risultato estetico migliore rispetto al laser ?

[#16] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
No.
Ogni tecnica ha un suo campo di indicazione e sue modalità di esecuzione.
Sarà il chirurgo a sceglierle di volta in volta per garantire al pz il miglior risultato estetico.
cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#17] dopo  
Utente 222XXX

Mi rendo conto che può essere di migliore aiuto fornire una foto dell'oggetto in questione,ma come potrebbe essere considerato una malformazione cutanea piatta dal diametro di 0,3 cm? Piccola,grande o media? Inoltre,avrei un altro dubbio da sciogliere...noi individui femminili usiamo spesso cosmetici come fondotinta o altri prodotti per la pelle,potrebbero provocare danno in caso di cicatrice? Inoltre mi sorgerebbe un altra necessità di chiarimento...siccome nella mia famiglia c'è stato un caso di melanoma,dovuto ad una neoformazione non congenita,mi chiedevo se la rimozione di neoformazini congenite dal viso ,parte molto esposta,comporti qualche conseguenza particolare;ho sentito dire che i melanomi nella stragrande maggioranza dei casi si generano da nevi non congeniti,in un'altra percentuale da quelli congeniti che si modificano.