Utente 240XXX
Salve, sto riscontrando degli arrossamenti cutanei color rossastro a chiazze. Alcune di queste machcie sono di forma circolare allungata come un anello. All'interno vedo della pelle in desquamazione. Vi allego dei link con delle foto che ho fatto con luce bassa, altrimenti col flash non si vedevano. Nelle foto si può notare la distribuzione, nei pressi dell'addome, delle ascelle e delle giunture articolari.

Sembra che il Pevaryl (crema anti mcotica) stia facendo un po effetto, però se mi scordo di metterla un giorno le macchie si fanno di nuovo più visibili. Quando metto la crema , brucia un po e sento come dei pizzichi in corrispondenza delle macchie.

Sembra che questo fenomeno sia legato all'influenza che sta girando ora, io l'ho avuta circa un mese fa e queste macchie sono comparse 1 settimana fa. Mia mamma che ha preso ora l'influenza mi dice che stanno uscendo anche a lei.

Sono molto preoccupato.
<a href="http://www.webservicetec.com/funghi/IMG_7873.jpg">Foto1</a> ;
<a href="http://www.webservicetec.com/funghi/IMG_7874.jpg">Foto2</a> ;

[#1] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo

28% attività
0% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
SALERNO (SA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Prima di provare ad applicare farmaci, è importante sentire il parere del proprio medico, in modo da poter avere una diagnosi. In questo modo sarà possibile conoscere la natura di tali chiazze, comprenderne l'evoluzione, sapere se si tratta di un fenomeno trasmissibile e come procedere con la terapia. Il farmaco da Lei indicato è un validissimo rimedio, quando prescritto dal medico per curare alcuni tipi di micosi. In dermatologia esistono però tantissime situazioni apparentemente simili al cosiddetto fungo (es. pitiriasi rosea di Gibert, psoriasi a chiazze, eczema nummulare, etc) ognuna di esse curate con farmaci appropriati. Consulti il dermatologo a Lei più vicino, per sapere innanzitutto di cosa si tratta. Una volta chiarita la diagnosi (es. pitiriasi rosea, tigna, etc) sarà possibile iniziare una terapia farmacologica adatta. Purtroppo le foto, anche quando ben scattate, possono essere poco utili per poter giungere ad una diagnosi, dal momento che sono tantissime le situazioni dermatologiche, che possono presentare sintomi e segni apparentemente simili. Al momento della visita specialistica, in base a quanto emergerà dall'anamnesi, dall'esame obiettivo e da eventuali esami richiesti dal Suo dermatologo, sarà possibili iniziare una cura mirata, basata su una vera e propria diagnosi. Cordiali saluti e in bocca al lupo.
Dott. Antonio DEL SORBO
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Sito web: www.ildermatologorisponde.it