Utente 697XXX
Gentili Dottori, da diverso tempo ho delle numerose bolle (credo) d' acqua sui piedi.
Un paio di mesi fa ho subito un piccolo incidente che, per ancora un po' di tempo, mi impedirà di praticare attività sportiva.
Poco tempo dopo l' incidente ho iniziato ad avvertire prurito, praticamente solo di notte, sui piedi. Controllando meglio ho notato diverse bolle d' acqua.
Non erano molte e dato che prima dell' incidente, proprio per la molta attività sportiva, ero abituato ad averne qualcuna ogni tanto, le ho bucate e disinfettate senza curarmene più di tanto.
Dopo poco tempo sono ricomparse sempre più numerose sotto la pianta, sotto e fra le dita, e sul dorso laterale.
Sul dorso laterale sinistro del piede sinistro sono sì tante da non farmi capire se siano molte piccole bollicine o diverse grosse bolle. Ho visitato i vostri ed altri consulti on-line sull' argomento e vorrei precisare che:
1) non mi è mai successo prima
2) l' unica possibile causa di stress è l' impedimento di praticare sport per un paio di mesi (cosa che però, effetivamente, non mi stressa)
3) ho notato qualche minuscola bollicina anche sulle mani, ma solo adesso, dopo aver letto i consulti medici on-line. non vorrei che mi stia fissando e che inizi a vedere bolle d'acqua dovunque.
4) Se è vero che le bolle formate dalla Disidrosi sono di 1mm di diametro o meno, non può essere disidrosi dato che le mie bolle sono delle più svariate dimensioni: da meno di 1 mm a più di mezzo centimetro di grandezza.

Vorrei sapere se è realmente possibile un collegamento tra l' interrompersi dell' attività sportiva e uno sfogo di bolle d' acqua.
Vorrei inoltre sapere se possa trattare sintomaticamente le bolle con qualche pomata che le faccia asciugare o che (nel caso non funzioni) mi costringa ad andare da un dermatologo.

Naturalmente aspetto ogni Vostro parere riguardo all' argomento e Vi ringrazio in anticipo per il tempo dedicatomi.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il nostro parere Genitle utente è uno solo:

E' fondamentale la diagnosi clinica di questa sua situazione, che oscilla dalla descrizione che fa del suo caso, su diverse ipotesi: le più accreditabili in via telematica sono :

1) Pompholix o disidrosi plantare
2) psoriasi plantare
3) dermatite eczematosa ed allegica da contatto

Proceda quindi con la visita dermatologica senza indugi e senza applicare nulla che possa controvertire il quadro.

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 697XXX

Dr. Laino, La ringrazio vivamente per la Sua risposta repentina. Provvederò, a seguito del suo parere, a non applicare alcunchè sui piedi ed a visitare un dermatologo il prima possibile. Vorrei comunque, a questo punto più per curiosità che per altro, sapere se realmente ci possa essere un collegamento tra l' interrompersi di un' attività sportiva quotidiana e il mio problema (magari se si trattasse di pompholix, non so).

Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
nessun legame apparente.

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it