Utente 337XXX
salve, ho 40 anni...ieri lavando i piedi, sulla pianta del piede dx ho notato la presenza di un nevo...rotondo, con contorni definiti, piatto e di colore marrone...mi è presa l ansia...nn sto poggiando neanche il piede a terra per paura di toccarlo.,.nn ricordo se lo avessi o se è nato nel tempo...i nevi plantari sono pericolosi...ed il fatto di insorgere sulla pianta del piede, possono subire traumi anche per il sol fatto di camminare...grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
come abbiamo più volte detto i nevi plantari non sono assolutamente più pericolosi rispetto agli altri.
Faccia vedere la lesione da uno specialista e ci cammini pure sopra nel frattempo senza problemi.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#2] dopo  
Utente 337XXX

grazie dr...sono andata ieri da uno specialista e dall esame al dermascopio ha detto nevo melanocitario...dall esame nn si evidenziano strutture globulari o aree di regressione di altro colore...controllo fine maggio...per cui si puo ritenere tranquillo?...grazie per la sua disponibilità...laura

[#3] dopo  
Utente 337XXX

salve dr...volevo chiederle anke quando è il caso di preoccuparsi...grazie...

[#4] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Certamente, se lo specialista ha detto che può stare tranquilla non ci sono problemi. Quando iniziare a preoccuparsi? Ma direi che non c'è una regola. Tenendo conto che almeno l'80% dei melanomi insorge su cute sana, la prima regola é portare a conoscenza il dermatologo di ogni elemento nuovo insorto sulla cute, indipendentemente dalla sua forma e dal suo colore. Nei rari casi nei quali un nevo melanocitario preesistente si modifichi, di forma, colore o spessore, è anche in questo caso opportuno segnalarlo. Infine si programmano visite periodiche di prevenzione oncologica cutanea in base ai fattori di rischio personali che sono: esposizione solare intermittente, pregressi episodi di ustione solare, soprattutto se avvenuti in preadolescenza, fototipo 1 2 o 3, lentigginosi al dorso, presenza di più di cinquanta nevi melanocitari, familiarità per melanoma, pregressi epiteliomi baso o spinocellulari.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#5] dopo  
Utente 337XXX

la ringrazio per la sua risposta...

[#6] dopo  
Utente 337XXX

l unica mia preoccupazione, assillante è se il poggiare il piede lo puo traumatizzare o infiammare...

[#7] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Già detto che non succede niente.
Buona domenica
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#8] dopo  
Utente 337XXX

grazie dr per la sua pazienza...credo ke devo curare di più la mia ipocondria nonkè gli attacchi d ansia e di panico...buona domenica

[#9] dopo  
Utente 337XXX

salve dr...continua la mia preoccupazione...un altro specialista ha eseguito un iconografia con tecnologia dermlite iphone 5...ha detto nevo melanocitico, forse congenito, del diametro max 8 mm...pattern globulare...contorni regolari...controllo tra 3 mesi...il mio problema è il fastidio avvertito al piede causato dalla mia cattiva postura??? o può essere il neo??? grazie per sua risp...

[#10] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Il nevo non crea fastidio quindi seguirei altre strade, forse il malposizionamento del piede.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#11] dopo  
Utente 337XXX

la ringrazio dr, lei è sempre gentile e disponibile...le vorrei kiedere il suo parere riguardo l ultimo referto sopramenzionato...posso cercare di stare un po tranquilla??? ringraziandola le auguro una buona domenica delle palme...

[#12] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Dal referto direi proprio di sì
Buona Domenica
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#13] dopo  
Utente 337XXX

gent,mo dr...continuano i miei problemi...volevo kiederle quali fastidi possono apportare i nei...forse a causa della mia malpostura ho infiammato qualke tendine del piede ke ora mi sta arrecando fastidio e ke io tendo ad attribuire al neo...tipo una sensazione di dolore e formicolio sotto il piede...lei cosa ne pensa...devo ritornare dallo specialista...ma se ho già eseguito 2 epiluminescenze nell arco di un mese è possibile un cambiamento in tempi così rapidi...grazie...

[#14] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Non deve certo tornare dal dermatologo, ma magari prima dal fisiatra e dall'ortopedico.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#15] dopo  
Utente 337XXX

grazie mille per la sua risposta...

[#16] dopo  
Utente 337XXX

gent.mo dr le scrivo sempre in relazione a questo nevo...continuo a camminare male...e questo mi potrebbe arrecare altri danni...per cui, sto maturando l idea di procedere alla rimozione del nevo...le vorrei chiedere, quanto è reale e vera la credenza ke i nevi nn vanno assolutamente toccati...e ke se così fosse, si degenerano in metastasi...nn vorrei finire dalla padella nella brace...e qualora fosse congenito, come ha ipotizzato lo specialista sarebbe ancora più pericoloso rimuoverlo...o è preferibile seguire il suo andamento nel tempo e magari procedere qualora si presentino segni di modifica...io nn so come si procede, ma cè ki mi ha detto togliamolo e ce ki ha detto lasciamolo...la ringrazio...

[#17] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Il Dott. Battaglini ha scritto un ottimo mininforma su questo argomento:

https://www.medicitalia.it/minforma/dermatologia-e-venereologia/1997-controllo-mito-realta.html

troverà tutte le risposte ai suoi quesiti.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#18] dopo  
Utente 337XXX

dr la ringrazio per la sua risposta...le volevo kiedere una cosa...abbiamo deciso per l asportazione in data 6 giugno...volevo sapere se un neo ke rispetta tutti i parametri dell abcdef...per cui ritenuto tranquillo anke in base al risultato dell epiluminescenza , in realtà puo celare qualcosa di serio...la ringrazio per la sua disponibilità...

[#19] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
È più facile il contrario: e cioè che una lesione pigmentata con i criteri abcdef (oramai storia della dermatologia) sia in realtà un nevo normale piuttosto che un melanoma.
Rinnovo cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#20] dopo  
Utente 337XXX

per cui dr...forse ho capito male la sua risposta...scusi l ignoranza...da come ho capito io lei conferma o smentisce la mia domanda...cioè a volte una lesione ke rispetta tutti i parametri può essere un melanoma???...io ho capito questo...ed in più un nevo può causare dolore a tutto il piede o è per via dell errato appoggio...la ringrazio molto e la prego di rispondermi perche sono proprio in preda all ansia e confusione...grazie mille

[#21] dopo  
Utente 337XXX

le prometto ke nn la disturberò più,,,grazie

[#22] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
A volte una lesione pigmentata regolare può essere un melanoma e viceversa: il dermatologo lo stabilisce con l'esame dermatoscopico. Nel suo caso ha già avuto risposte, quindi non vedo il problema. Il dolore certamente non è causato dalla lesione pigmentata.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#23] dopo  
Utente 337XXX

a questo punto nn cè alcuna certezza nelle diagnosi...e pertanto forse l unica via percorribile, penso, per stare più tranquilli è l asportazione...io ho visto le caratteristiche del pattern globulare, come nel mio caso e viene associato a nevi melanocitari o congeniti...però come lei dice può anke essere il contrario...la ringrazio per le sue delucidazioni e il tempo dedicatomi...

[#24] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Beh nel suo caso, vista la preoccupazione che le crea questo elemento, direi che senz'altro l'asportazione è l'atto medico più logico da consigliare.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#25] dopo  
Utente 337XXX

grazie dr della sua risposta...infatti credo ke sia più un mio problema psicologico, dettato da una grande apprensione e paura...cmq le volevo kiedere quando voi specialisti, all esame dermatoscopico e dell epilumimescenza classificate i nevi secondo un determinato pattern, che nel mio caso risulta essere di tipo globulare...questo pattern rimane tale o nel tempo può cambiare la sua struttura...la ringrazio...

[#26] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Solitamente un pattern identificato dermatoscopicamente tale rimane per la durata di vita del nevo, ma non è detto possano esservi rimaneggiamenti nel tempo. I nevi sono parte della pelle, elementi vivi ed in grado di mutare senza che ciò rappresenti inevitabilmente una "degenerazione".
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#27] dopo  
Utente 337XXX

buongiorno dr...ho proceduto all asportazione del suddetto nevo...il risultato istologico è nevo intradermico...margini di resezione indenni...ora le vorrei porre un altro quesito...sul padiglione esterno dell orecchio sx sono presenti due nevi quasi uno accanto all altro...ieri lo specialista ha detto nevi composti...cosa vuol dire??? sono tranquilli???il problema è ke io avverto come una sensazione di fastidio, alternata a bruciore...è un segnale di qualcosa di brutto???...lo stesso specialista, riferendo questo sintomo, mi ha detto ke i nei nn bruciano...mi può aiutare lei??? grazie mille

[#28] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Sono sicuro che non c'è alcun problema se non quello dell'apprensione. I nevi sono tutti tranquilli ed asintomatici, anche quelli che si trasformano in melanoma. Quindi il bruciore è senz'altro dovuto a qualcosa di diverso.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#29] dopo  
Utente 337XXX

gent.mo dr la ringrazio sempre per la sua cortesia e disponibilità...certo la mia apprensione la metto in conto...però mi permetta di kiederle quali sono i sentori ke un nevo sta iniziando a dare problemi...secondo lei, posso star tranquilla e pensa ke il bruciore nn sia da ricollegare ai due nei??? e qualora decidessi di toglierli l orecchio ha un anatomia diversa rispetto alle altre parti del corpo???la ringrazio...

[#30] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Repetita iuvant:
1) la maggior parte dei melanomi insorge su cute sana, NON su un nevo. Quindi la prima regola è quella di segnalare le lesioni di nuova insorgenza. Sarà poi il dermatologo con il dermatoscopio a verificare se si tratti di un nevo di nuova insorgenza o di un elemento di altra natura
2) se un melanoma insorge su un nevo ne altera la morfologia: in questo caso, e solo in questo caso, può essere valida la regola dell’ABCDE cioè il cambiamento morfologico di un nevo preesistente
3) i melanomi generalmente NON danno sintomi al loro esordio: solo molto tardi possono sanguinare o creare eventi infiammatori perilesionali. Raramente un melanoma può dare prurito o bruciore locale, ma si tratta di una piccola quota di casi. Pertanto non bisogna allarmarsi se un nevo genera questi sintomi: si fa vedere allo specialista senza fretta e senza panico poiché la maggior parte delle volte si tratta di un nevo traumatizzato o di una cheratosi seborroica

cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#31] dopo  
Utente 337XXX

grz dr sempre per le sue delucidazioni,,,ieri lo specialista ha controllato i due nei sull orecchio e li ha classificati come cerebriformi...ha notato ke sono presenti anke in diverse altre parti del corpo ed ha concluso ke tendo a svilupparli...mi ha rassicurato dicendo ke nella letteratura medica nn ce traccia di alcuna degenerazione di tali formazioni...lei può confermare questa tesi??? posso stare tranquilla???la ringrazio infinitamente e le auguo buon fine settimana...

[#32] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Confermo la tesi che sia meglio seguire uno specialista e fidarsi della sua esperienza che ricercare su internet a tutti i costi una patologia che probabilmente non si ha. Segua il mio consiglio anche per altre specializzazioni.
Cordiali saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena

[#33] dopo  
Utente 337XXX

dr buongiorno, sono d accordo con lei quando dice di affidarsi ad uno specialista...però io continuo ad avvertire questo fastidio e bruciore dove sono localizzati questi due nei...lo specialista dice trattasi di nevi cerebriformi ke nn danno mai problemi...ma, tenuto conto della mia ignoranza, da quanto ho letto tutti i nevi sono suscettibili di modificazione...o questo tipo di nei nn rientrano nella casistica dei nei pericolosi...so, ke magari le posso dar noia, ma nn trovo riscontro della mia preoccupazione in nessuno dei miei medici, dal medico di base allo specialista...mi puo aiutare???grz mille...

[#34] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Senza vedere i nevi non posso certo esprimere un parere. Comunque non è vietato asportarli anche se allo specialista sembrano normali se ciò ti può dare un beneficio dal lato psicologico. Parlane con lui.
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena