Utente 156XXX
Buonasera, convivo ormai da più di un anno, se non due, con un fastidioso prurito vaginale che ormai si estende anche alla zona clitoridea e raramente anale.I ginecologi che ho consultato hanno sempre detto che stavo benissimo nel momento della visita e che non sapevano spiegarsi il prurito.
Ho fatto dei tamponi vaginali per miceti, streptococco, clamydia e tricomonas ma sempre risultati negativi.
il tutto è cominciato con un lieve prurito, dopo aver messo della crema antimicotica una sola volta la situazione è degenerata. Ho cominciato ad avere prurito, sopratutto la sera, e ho notato che questo cresceva con l'usi dei saponi, assorbenti (uso solo quelli esterni) e proteggi slip.Assumo fermenti lattici, uso biancheria bianca, non uso sapone se non sotto la doccia, faccio bidet con acqua e bicarbonato e a volte con poche goccie di tea three oil che mi danno sollievo temporaneo, sempre sollievo temporaneo lo trovo con l'utilizzo di creme tipo idrocrema che però ormai riesco a tollerare solo in certi giorni, in altri aumentano il prurito. All'inizio il fastidio era solo per pochi giorni di solito dopo il ciclo, ora è sempre presente e si sono aggiunte punture di spillo in zona clitoridea.noto un peggiormento nei giorni in cui ho maggiore quantità di muco fertile, quasi come se fossi diventata allergica a questo.ho provato a depilarmi in quella zona e sinceramente dopo la depilazione il prurito è diminuito notevolmente ma purtroppo la ricrescita mi causa pizzicore e quindi non so quale delle due sensazioni sia più fastidiosa.Lavoro seduta al computer dalle 9 alle 18 e so che probabilmente anche questo fattore peggiora la situazione ma seduta non ho quasi mai fastidi, sono presenti quando sono in piedi ad esempio quando stendo i panni, forse il movimento provocando un sfregare della pelle aumenta il disagio.sono una persona che non ama andare dai dottori,ho una forma di ansia da contaminazione, quindi vorrei evitare di vedere duemila medici che poi non mi aiuterebbero.so che la diagnosi online non è possibile ma cerco almeno una indicazione sul tipo di medico da consultare e sulle possibilità di cure.a volte ho prurito su braccia e gambe, sempre la sera, non so se possa essere legato.alcuni mesi fa ho fatto una cura di tre settimane prendendo una compressa di antistaminico per un problema di anosmia e quelle tre settimane il prurito sembrava andare a scomparire.ma non so se può essere legato al medicinale o forse è un disturbo legato alla sfera psicologica. Grazie mille per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
È stato escluso anche un Lichen sclerosus? Rispetto alla descrizione che fa del suo caso sarebbe opportuno che venga effettuata questa diagnosi differenziale.
Cordialità
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 156XXX

Grazie mille del consiglio, non riesco a trovare il significato di "like me sclerosos" si chiama proprio così o c'è un errore di digitazione? forse intendeva "lichen sclerosus", però ho letto che questo porta formazione di vesciche e io non ne ho mai avute e neanche macchie più chiare o livide. per la diagnosi devo recarmi da un ginecologo venereologo o può farla anche il mio ginecologo?
grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Si ha compreso bene; ho suggerito questa ipotesi: ha letto informazioni errate circa questa patologia che non è infettiva e non insorge con "vesciche"

per ulteriori e corrette info

www.lichenscleroatrofico.it

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 156XXX

La ringrazio molto per la tempestività. Ho letto le informazioni dal link che mi ha fornito ma credo che a questo punto sia necessaria una visita specialistica perchè non sono in grado ovviamente di fare una autodiagnosi. Provvederò quindi a fissare una visita dermoveneorologa spero a dicembre, lavoro permettendo, per cercare di confermare o capire il mio problema.
grazie ancora
Saluti

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Fa' molto bene programmarla!
Cari saluti.
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it