Utente 333XXX
Egregi Dottori,
Ho 32 anni e mi trovo oggi a chiedere un parere riguardo il forte diradamento dei capelli che mi sta accompagnando da due mesi esatti in data odierna e la comparsa di acne sulla zona mandibolare associata ad esso,entrambi avvenuti nella stessa tempistica.Penso che ad oggi,i capelli siano esattamente la metà.Non solo basandomi sulla sensazione tattile,ma anche provando a fare la coda con lo stesso elastico,che era nuovo.Prima facevo due giri soltanto ed ora 4.Perdo ciuffetti di capelli tutto il giorno ed in media sono 30 ogni volta,ogni giorno da due mesi a questa parte.Inutile menzionare il pavimento pieno e le matasse ad ogni lavaggio(mai persi così tanti in vita mia).
Immagino che tutto questo sia derivato dalla sospensione della pillola yasmin avventa a marzo,poiché tre anni fa ho avuto lo stesso tipo di disagio,anche se non così intenso come stavolta.Andai da una ginecologa ma mi disse soltanto di riprendere la pillola.Infatti il problema cessò immediatamente.Però lo scorso marzo avevo notato un gonfiore alle caviglie e nell'attesa di essere visitata,ho deciso di sospenderla.Sono stata visitata quindi il primo luglio scorso e la ginecologa mi ha detto che avevo fatto bene a sospendere ma che a settembre ,se lo avessi desiderato,avrei potuto riprenderla.
Purtroppo solo quindici giorni più tardi ho cominciato ad avere questa caduta massiva che non accenna ad arrestarsi né a diminuire e non ho ancora consultato nessuno specialista,poiché non so a chi rivolgermi.Ancora non ho avuto il ciclo e dunque non ho ancora assunto la pillola.
Ho fatto solo delle analisi ormonali,ma non sono certa siano complete ed in più tutti i valori rientrano nei range di riferimento.
Io vorrei solo sapere se davvero sono costretta a prendere la pillola per allontanare questi disagi perché il problema è a livello delle ovaie e quindi rivolgermi di nuovo ad un ginecologo,andare da uno specialista in dermatologia oppure ad un endocrinologo.
Aggiungo soltanto due cose: la prima è che il diradamento interessa quasi totalmente l'area occipitale e in misura inferiore quella temporale.Non ho variazioni nell'area frontale(anzi,c'è moltissima ricrescita),mentre tre anni fa fu l'opposto.La seconda è che quando provo a massaggiare delicatamente il cuoio capelluto(leggo ovunque che fa bene...),è lì che provoco un'ulteriore caduta.
Ringrazio anticipatamente per le Vostre cortesi repliche.

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
dal suo racconto si evoca un telogen effluvium acuto , la cui genesi è verosimilmente da ricondurre allo stress della sospensione dell'estroprogestinico, ma che potrebbe riconoscere anche altre noxe intercorrenti.
Di regola i telogen effluvium acuti si esauriscono in 3-4 mesi, se la causa scatenante cessa.
Consiglio di valutare in visita dermotricologica , anche per eseguire v.dermatoscopia e tricoscan, nonchè i vari esami laboratoristici
cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Utente 333XXX

La ringrazio infinitamente Dott.Griselli,ora almeno so da dove partire.Il problema adesso è sapere con certezza se gli specialisti nella mia città avranno gli strumenti necessari alla visita che Lei mi ha indicato.Mi scuso per l'ignoranza,ma non ho mai avuto problemi di salute che richiedessero l'intervento di un dermatologo ed in più leggo su internet che ci sono centri medici tricologici specializzati ,per cui vorrei essere certa che lo specialista a cui mi rivolgerò sappia cosa fare.Altrimenti mi vedrò costretta ad andare fuori città.
La ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti.