Utente 399XXX
Salve a tutti.
Negli ultimi tre anni circa ho riscontrato una caduta di capelli, specie nella zona frontale e temporale, come mai era avvenuto in passato.
Nella mia famiglia, da parte di mio padre, nessuno ha mai avuto questi problemi. Mio padre, oggi 70enne, non ha problemi simili. Mio nonno quando era in vita nemmeno. I miei cugini (sempre lato paterno) non hanno nessun tipo di problema simile.

Dalla parte di mia madre, invece, esistono casi di alopecia nei suoi fratelli, per esempio. Anche il padre di mia madre soffrì di tale problema.

Nel Settembre del 2014 mi recai dunque a far visita dal Dermatologo presso l'ospedale della mia città, SSN. Mi prescrisse del Minoxidil al 2% che avrei dovuto usare per periodi alterni di circa 3-4 mesi. La cura, tuttavia, non ebbe gli esiti sperati e la caduta continuava, sebbene non si vedevano significativi peggioramenti. Nel 2015 e 2016 faccio altre due visite, dove mi viene prescritto, infine, Minoxidil al 5% che ho usato nel periodo Marzo-Luglio 2016. Ho notato una piccola ricrescita, poi però ho smesso di utilizzarlo perché a Ottobre ho iniziato una cura con un utilizzo di antibiotici frequente a causa di tonsillite cronica. Come se non bastasse, da Settembre scorso questa tonsillite si presentava mensilmente ed era molto forte e ho dovuto fare un uso molto prolungato di antibiotici fino a Febbraio. Durante questi mesi quindi c'è stata una ripresa della caduta dei capelli e ho fatto un nuovo consulto, stavolta presso un altro ospedale, a fine Febbraio.
Mi è stato nuovamente prescritto il Minoxidil al 5% per uso topico, insieme a degli integratori alimentari Inneov. Infatti ho raccontato la mia storia medica al dermatologo e in particolare dell'uso di antibiotici molto frequente, specie negli ultimi mesi.

Scusatemi per la lunga introduzione, vengo al punto.
Circa tre anni fa ho fatto un cambio significativo del mio stile di alimentazione: ho cominciato a mangiare quasi esclusivamente cereali integrali (quindi pasta e pane integrale, fette biscottate integrali), molta frutta (banana, arancia, kiwi, mele), specie al mattino, frutta secca (sempre al mattino), the verde (che inizialmente bevevo anche tre volte al giorno per poi stabilizzarmi ad almeno due volte al giorno, mattina e pomeriggio). Negli ultimi mesi, anche del caffè al ginseng che ho usato per sostituire il the verde la mattina. Mangio poca carne, ma mediamente almeno due volte a settimana.
Ho notato che la mia pelle, col tempo in questi anni, si è leggermente ingiallita. Inoltre la caduta dei capelli si è fatta evidente proprio da tre anni, cioè quando ho cambiato alimentazione.

Vi chiedo: può una alimentazione del genere causare la caduta di capelli? È possibile che l'assunzione eccessiva di teina, caffeina, provochi la caduta dei capelli? Stando a quanto leggo in giro, sembrerebbe paradossale.

Vi ringrazio per la pazienza.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
NO, in alcun modo: la buona notizia è che comunque la calvizie ad oggi si cura con successo

per info informative suppletive

www.calvizie.pro

Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 399XXX

La ringrazio Dr. Laino, leggerò con attenzione il sito da lei proposto.
Devo però fare una precisazione forse importante. La mia "storia medica" evidenzia un basso indice di ferro e ferritina presente nel sangue, sempre però entro i limiti minimi (quindi nell'intervallo di normalità).
Anche mia madre, negli ultimi tempi, sta accusando una perdita di capelli anormale e anche lei ha sostituito in maniera non graduale il latte a colazione con il the verde.
Il the verde/ the potrebbe causare un minore assorbimento di ferro (specie se l'infuso dura a lungo) tale da provocare la caduta di capelli?
E un eccesso di fibre introdotte, potrebbe fare altrettanto?
In ultimo, il colore giallastro della pelle da cosa potrebbe dipendere?

Mi scuso se ho voluto chiarire e, in parte, insistere sul tema. Ho letto sul sito del Dr. Veronesi che in taluni casi cose del genere potrebbero indurre ad alopecia. Da profano chiedo parere a voi esperti.

Vi ringrazio sentitamente, offrite un utilissimo servizio!

Vi ringrazio

[#3] dopo  
Utente 399XXX

Salve a tutti,

Ho effettuato una visita medica il 28 Febbraio scorso e il medico curante (SSN) mi ha dunque fatto adottare il Minoxidil al 5% (Trifostil) e un integratore alimentare Inneov Densiology Alpha. Inoltre, mi disse di fare degli esami del sangue. L'integratore alimentare ho iniziato a prenderlo da dal mese di Aprile. Dovrei farlo per tre mesi, quindi in questo momento sto facendo il secondo mese.

Per quanto riguarda il Trifostil ... Non appena applicato un paio di giorni, però, ho iniziato ad avvertire un prurito fortissimo e forfora nella zona interessata, con delle chiazze rosse e altre giallastre. Ho cercato di resistere, ma non appena ho visto il persistere di questi sintomi ho subito interrotto la cura col Trifostil (quindi dopo circa 3 settimane con pause di qualche giorno) e contattato il medico.


Le analisi del sangue indicate le ho fatte e tra i vari valori l'unico che non rientra negli intervalli di normalità è la Vitamina D3 il cui valore è di 8.1 ng/ml.

Altri valori:

Acido folico: 12 mcg/ml
Ferritina: 95.40 ng/ml
Cobalamina Vit B 12: 241.0 pg/ml
Vitamina D3: 8.1 ng/ml
Zinco Ematico: 97 mcg/100ml
FT3: 3.2 pg/ml
FT4: 13.4 pg/ml
TSH: 2.82 mUI/ml
Anticorpi anti-TG: 10.6 UI/ml
TPO: 10.0 UI/ml
Anti transuglotaminasi IgA: 2.90 AU/ml
Sideremia: 123 mcg/dl

Nel frattempo il diradamento si sta facendo sempre più evidente nella zona frontale destra e sono preoccupatissimo - non lo nascondo - e naturalmente molto ansioso.

Sono preoccupatissimo. Vorrei sapere: esiste un modo per recuperare i capelli caduti? Cosa posso fare?

Vi ringrazio anticipatamente.