Utente 107XXX
Salve a tutti, i caratteri sono pochi e sarò breve.Da qualche tempo ho un disturbo al pene lato destro(mio);non ha secrezioni di alcun tipo,solo dopo ed a volte durante un rapporto diventa fastidioso(prurito).Non ho rapporti occasionali e non ho motivo di pensare diversamente anche della mia partner.Allego foto: http://photobucket.com/test_035 Il disturbo è un ingrossamento dell'epidermide sotto il glande,le tracce di colore giallo che si vedono sono i residui dell'antibiotico che ho provato a prendere(Aureomicina)e non centrano nulla con il disturbo.Alla mia partner il ginecologo ha riscontrato la candida e lo streptococco,ma ho motivo di credere che siano sintomi e non la causa un quanto abbiamo già preso entrambi la cura senza successo(Diflucan)e l'antibiotico (Aureomicina) non funziona e non allevia.Ho aspettato molto, forse troppo, per il fatto che avevo trovato una pomata ma solo come soluzione lenitiva (Gentalyn Beta) con cui curarmi, ma appena smetto anche er un paio di giorni iniziano pruriti e fastidi.So bene che una foto ed un consulto online non è in grado di sostituire una visita medica,tuttavia vorrei avere il parere di qualcuno,magari nell'esperienza passata è capitato di vedere una situazione simile e quindi facilmente riconoscibile ,anche perchè abbiamo cambiato 2 ginecologi.
Ringrazio anticipatamente per la cortesia e l'interessamento al mio caso.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
purtroppo le devo dire che senza una accurata visita dermovenereologica con peniscopia non è possibile porre alcun tipo di diagnosi e ,di conseguenza, alcun tipo di terapia. Inoltre , come saprà , ci è inibito scendere nello specifico del caso particolare, specialmente quando si richiede una terapia "telematica"
Le lesioni devono essere valutate obiettivamente,dopo una rigorosa anamnesi, con particolare attenzione alle modalità di insorgenza, alle caratteristiche morfologiche, alla presenza di reazioni linfonodali, etc.
Sparare diagnosi a caso, senza alcun substrato scientifico e clinico non penso potrà esserle d'aiuto; al contrario la visita dermatologica potrà certo fornirle delle risposte.
Cordialità
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

il titolo del suo consulto non lascia dubbi: "sconosciuta malattia venerea"

il termine sconosciuto è rifieribile sicuramente ai suoi giusti dubbi non certo alla scienza dermo-venereologica che conosce e cura ogni tipo di patologia di questo genere.

Pertanto si affidi ad un esperto (Specialsita Venereologo) e chiarisca questi suoi dubbi, che la sede telematica per la vastità di possibilità non può orientare.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it