Utente 981XXX
Gentilissimi Dottori sono un ragazzo di 30 anni, ho un problema che mi assilla da 5 mesi. Tutto è iniziato con uno strano arrossamento a chiazze sul glande e lievi buciori; mi era già successo negli anni passati e con applicazione di DAKTARIN crema 2% e capsule di neo-Furadantin passava in un paio di gg. Cosa che sta volta non ha funzionato.
Mi sono recato dal mio UROLOGO che ha identificato i segni come candida e mi ha prescritto compresse di SPORONOX per 3 giorni, ma senza alcun risultato. Nel frattempo mi si è aggiunto un fastidioso prurito e ho notato che il glande presentava come delle papule sottocutanee (il mio medico curante le ha associate allo stato infiammatorio prolungato)
Nella disperazione ho applicato creme come ECOVAL 70 e lavaggi di acqua borica, (fai da te da internet, una stupidaggine lo so)
La situazione non cambiava, con soliti pruriti,arrossamenti che si spostano anche a distanza di poche ore da una zona all'altra. Avevo dolori durante la minzione e specie nell'eiaculazione.
A volte mi si formava un colletto rossastro a due cm dal glande.
Mi sono così recato da un DERMATOLOGO-VENEROLOGO che esaminando con una specie di telecamera (nell'occasione non presentavo rossori, ma solo questi piccoli rigonfiamenti tondeggianti); mi disse che era una BALENITE, mi prescrive PEVARYL 1% e SAUGELLA crema per la secchezza.
La cosa sembrava migliorare ma dopo poco tempo si ripresentava il tutto: bruciori, pruriti e arrossamenti.
Ho fatto una visita da un secondo DERMATOLOGO-VENEROLOGO, nell'occasione avevo il rossore proprio in prossimità delle papule rialzate. La sua diagnosi è HERPES GENITALE e mi prescrive crema VECTAVIR e pastiglie di TALAVIR (5 al dì per 10 gg. E poi una al dì), per la cronaca alla sera della visita il rossore era scomparso da solo.
Non ho mai notato nessuna perdita di nessun tipo e nessun tipo di crosticina tipica dell'herpes.
Ora è passato un altro mese e la cosa non migliora, spesso sento la zona come anestetizzata.

ALTRE informazioni:
sono erpetico da sempre (labbra, naso e a volte guance e fronte);
i sei mesi precedenti all'episodio ho sempre avuto rapporti protetti
ho usato profilattici diversi da quelli a cui ero abituato
a volte ho avuto episodi di pustoline pruriginose nella zona inguinale e diagnosticate come allergie ad acari (anche il test era positivo) curata con FUCICORT crema e PANIFUR compresse.


Sono disperato, non sò più cosa fare!!!!!!!!

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
gentile utente,

comprendendo il suo stato e non potendo non superare le diagnosi dirette dalla sede telematica, posso affermare che casi come il suo debbono essere chiariti con certezza, prima di affrontare terapia che non solo non possono giovare, ma potenzilmente rallentare ed offuscare la diagnosi.

Sospenda ogni terapia per qualche giorno e si rechi dal suo dermatologo venereologo di fiducia per effettuare oltre la visita anche esami strumentali se mai ce ne fosse bisogno.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it