Utente 116XXX
Gentili medici,

Scriviamo perché io e la mia fidanzata abbiamo riscontrato lo stesso problema cutaneo( o per lo meno apparentemente) in prossimità degli organi genitali.
Sul prepuzio(lui) e nelle vicinanze degli orifizi (lei) si sono formate delle macchie rosse che sono causa di bruciore durante il rapporto e che a riposo tendono a seccarsi con formazione di crosticine e/o pelle squamata.
Le crosticine per lui, una volta secche e cadute, non lasciano segno sulla pelle del prepuzio. Non ci sono segni di infiammazione sul glande.
Il bruciore che lei avverte nel rapporto, invece, si propaga internamente alla vagina.
Da tempo non cambiamo detergenti intimi, abbiamo una curata igiene, NON abbiamo rapporti extra-coppia, ma ne abbiamo di frequente ( una volta al giorno) e di lunga durata (anche + di 45 min).

Ultimamente entrambi stiamo vivendo un periodo di intense preoccupazioni.

Di seguito, anche se non e' prassi, vi inviamo una foto (lei).
Il fenomeno per lui e' svanito visivamente, ma il senso di bruciore no.

http://img34.imageshack.us/img34/7835/pap3ok.jpg
http://img34.imageshack.us/img34/4879/pap1ok.jpg



Vi ringraziamo per l'attenzione.


[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

sconsigliando sempre il ricorso a foto amatoriali che non servono alla diagnosi né all'orientamento (la demratologo venereologia non è così semplice) la invito a produrre senza applicare terapie fai da te, la visita Venereologica per entrambi al fine di chiarire se la vostra consizione è relegabile ad una Malattia sessualmente trasmissibile: se così fosse la diagnosi e la cura deve essere per entrambi i partner

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 116XXX

Gentile Dott.

Ringraziandola innanzitutto per la pronta risposta, ci permetta di esprimere quanto segue.

Malvolentieri abbiamo pubblicato quelle foto. Il nostro intento era di aiutare la diagnosi con un'immagine invece di leggere soltanto una descrizione (che non abbiamo trovato nel database dei consulti).

Il nostro problema sembrava diverso da quelli presenti sul sito e localizzato a livello cutaneo. Per questo pensavamo che, la visione della zona interessata, aggiunta alla descrizione del fenomeno, potesse aiutarvi senza ricorrere a visita venereologica.

Dal momento che risediamo in un paese straniero, ed è difficile trovare la stessa assistenza, pensavamo che il servizio fornito non consistesse nel semplice "andate da un medico".