Utente 342XXX
Gentili Dott.ri,
scrivo per chiedere consigli e aiuto riguardo lo stato di salute di mio Padre.
Lui ha 59 anni, vegetariano, microcitemico, uomo molto attivo (lavora e pratica molteplici attività sportive -aerobiche ed anaerobiche-assiduamente da 10 anni.
A seguito inusuale stanchezza ed affanno improvviso,2 settimane fà ha eseguito una serie di esami specialistici:
Cardiologica, con esito di cuore lievemente ipertrofico ed anomalia alla valvola tricuspide, in quanto bicuspide congenita;esito della visita non di rilievo.
Pneumologica, segni di lesione polmonare causata da bronchite; buona ossigenazione; cura farmacologica e cortisonica; esito non di rilievo.

Emocromo del 20/04/2009: Emocromo del 4/12/2009: Emo del 5/12/2009:

WBC 2.3 L 10^3/uL 2.9 2.8
NE% 47.4 8.5 9.2
LI% 48.3 H % 90.4 88.6
MO% 3.0 L % 0.7 2.0
EO% 1.1 0.1 0.2
BA% 0.2 0.3 0.0
NRBC% 0.0 0.0
NE# 1.1 L 10^3/uL 0.2 0.3
LI# 1.1 L 10^3/uL 2.6 2.4
MO# 0.1 L 10^3/uL 0.0 0.1
EO# 0.0 0.0 0.0
BA# 0.0 0.0 0.0
NRBC# 0.0 0.0

RBC 5.08 10^6/uL 2.94 2.76
Hgb 11.8 L g/dl 7.2 6.9
Hct 36.2 L % 22.1 20.9
MCV 71.3 L fL 75.1 75.8
MCH 23.2 aL pg 24.4 25.0
MCHC 32.6 32.5 33.0
RDW 18.8 H % 20.8 19.5

Plt 159 10^3/uL 58 62
MPV 7.8 fL 6.0 6.5
Pct 0.040
PDW 18.3
Retic% 0.50 2.00
Retic# .0200 .1000
IRE 0.20 0.40
MRV 100.0 125.0

Oggi è stato appena trasferito al policlinico di Bari, dopo una degenza di 6gg presso l'Ospedale San Paolo di Bari.
In struttura ha eseguito trasfusione per 3 sacche da 250 ml, TAC, RX completo del corpo, Aspirato del midollo, Biopsia del midollo, Ecografie centri linfatici(tutti NELLA NORMA).
Ci dicono che ha i globuli bianchi a 1080.

Cosa sta succedendo???
Quali sono le strutture più idonee per curarlo e dove????
Come possiamo aiutarlo noi figli e moglie???

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La struttura più idonea è un centro ematologico per capire il perchè di questa pancitopenia. Suo padre ha avuto contatti con sostanze chimiche o assunto particolari farmaci ? Mi sembra anche strano che con questa pancitopenia l'esame midollare sia normale. Comunque è opportuno un ricovero ospedaliero presso un centro ematologico
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 342XXX

Gent.issimo Dr. Arduino,
probabilmente ho mancato in alcune specifiche:
l'esito dell'esame istologico del midollo non è ancora arrivato....
attualmente è ricoverato al Policlinico di Bari e non lo possono dimettere in quanto il valore a 2 giorni fa' di globuli bianchi è stazionario a 1080 (rischio alto di infezioni).... non intervengono con cure farmacologiche (quali fattori di crescita) per paura di alimentare le cellule tumorali.... abbiamo paura che la struttura ospedaliera non sia sufficientemente specializzata per aiutarlo... probabilmente, siamo troppo spaventati e vorremmo rivolgerci al CENTRO MIGLIORE CHE CI SIA IN ITALIA (istituto di eccellenza) per poter salvare la sua vita....momentaneamente come prognosi riservata (non ufficiale, in quanto mancante di esito di istologico osseo midollare) è linfoma che sembra stia leucemizzando (velocemente)....mi perdoni, ma se possibile, vorrei sapere come "salvare la vita di mio padre....
la ringrazio infinitamente!!!

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
A Bari presso il Policlinico universitario c'è un ottimo centro ematologico, quindi abbia fiducia. Bisogna , a questo punto, sapere l'esito della biopsia midollare, ci faccia sapere
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 342XXX

Gent.mo Dr. Baraldi,
innanzitutto auguri di buon anno nuovo!
In data 31 Dicembre 2009, mio padre è stato dimesso dal Policlinico di Bari (PROVVISORIAMENTE) con il seguente foglio di dimissione temporanea:
"in data 14/12/2009 si è ricoverato presso la nostra unità operativa (CENTRO EMATOLOGICO POLICLINICO DI BARI)con diagnosi di LEUCOCITOSI e PANCITOPENIA di N.D.D.
Nel corso del ricovero ha eseguito i seguenti accertamenti: es. ematochimici; es. colturali; ECG; RX torace; agoaspirato midollare; biopsia osteomidollare; ecocardiogramma con valutazione FEV%.
Dimettiamo in data 31/12/2009 con diagnosi di:
SINDROME LINFOPROLIFERATIVA CRONICA (IN CORSO DI PRECISAZIONE DIAGNOSTICA).
Si consiglia la seguente terapia domiciliare:
Pr Limpidex cp 15mg
Pr Deltacortene 25mg
Pr Plaunozide cp
Pr Nebilox 5mg
Pr Dobetin 5000
Pr Zyloric 300

Programmato controllo clinico ematologico in regime ambulatoriale per il 4/1/2010 (visita ematologica di controllo; prelievo venoso, emocromo, piastrine)

Di cosa si tratta esattamente? In struttura ci hanno parlato di un verosimile LINFOMA NON-HODGKIN.
E' un LINFOMA grave? Può diventare una Leucemia?
Ritiene opportuna una consulenza specialistica presso strutture oncologiche (quali Istituto Nazionale dei Tumori, milano, e/o Istituto Oncologico Europeo)?

Come possiamo tutelarlo anche socialmente?

Infinitamente grati.

[#5] dopo  
Utente 342XXX

Vorrei, inoltre, porvi alcune domande, che mio padre ha un po' di imbarazzo a chiedere ai medici (tenendo presente che dal 7 dicembra al 31 dicembre ha eseguito 7 sacche di trasfusioni da 250ml):
la sua vita potrà proseguire normalmente?
potrà fare ancora sport?
potrà avere una vita sessuale normale?
potrà svolgere il suo lavoro? (è un rappresentante/agente di commercio)

Nuovamente grata.
Saluti

[#6]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Se si tratta di linfoma non Hodgkin và fatta una analisi istologica sul tipo ed una stadiazione oltre ad una classificazione in base alla classifiocazione prognostica ( IPI) . In base a tutto ciò si deciderà la terapia più opportuna, ma le posso dire che oggi si hanno valide terapie con risposte molto buone, sempre in relazione al tipo istologico e stadiazione. Una volta fatta la terapia il soggetto può regolarmente riprendere la propria vita senza particolari limitazioni
Un saluto

A. Baraldi

[#7] dopo  
Utente 342XXX

Abbiamo ricevuto ulteriori specifiche, dalle quali, però, non riusciamo a capirci molto (vista la nostra non buona conoscenza delle terminologie medico/scientifiche):
"Linfoma midollare marginale NON-HODGKIN stadio 4 forma B1 cronico"
Potrebbe spiegarci meglio di cosa si tratta? Secondo lei, trattasi di situazione grave e/o maligna?
In più, potrebbero essere implicati fattori genetici ereditari? Mio padre ha perso una sorella a 4 anni per una leucemia (parliamo, comunque, di 50 anni fà circa).

Sempre infinitamente grati della sua disponibilità.

Saluti.

[#8]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Guardi posso , così a distanza , soltanto parlare in termini generali. Sembrerebbe trattarsi di linfoma della zona marginale midollare ; questo tipo di linfomi non è frequente ed ha , di solito, un decorso piuttosto indolente con lunghe sopravvivenze; uno stadio IV comporta il coinvolgimento di uno o più organi extranodali con o senza interessamento dei linfonodi. Certo, a questo punto, sarà impostata una terapia, oggi molto avanzate. Affidatevi con fiducia al centro che l'ha in cura.
Un saluto

A. Baraldi