Utente 143XXX
Salve,
Sono stata ricoverata presso un ospedale per febbre ricorrente. Sono stata dimessa con la diagnosi
di "Infezione alle vie urinarie da Staphilococcus xylosus". La TAC e l'ecografia con m.d.c. non
hanno confermato le multiple aree focali ipoecogene alla milza, segnalate da una precedente
ecografia. Mi hanno consigliato: RMN addome completo con mdc, Emocromo, VES, PCR, QPE,
Transaminasi, LDH, Beta2microglobulina, Sideremia. Ora però vorrei sapere cosa sono le multiple
aree focali ipoecogene alla milza.
Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Aree ipoecogene a livello splenico possono essere di vario tipo e natura , per esempio di tipo cistico, ma il punto è che l'attuale ecografia con mdc NON ha confermato questo quadro, per cui , su queste basi, le è stato consigliato giustamente una RMN con contrasto. Ci faccia sapere quando l'esito quando lo avrà
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 143XXX

Si, lo so, però io vorrei sapere lo stesso cosa sono.

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Soltanto a livello informativo, quindi non riferito al suo caso, le posso dire che aree ipoecogene a livello della milza possono essere dovute a vari fattori quali: ematomi non recenti, linfomi, infarti splenici, ascessi, pseudotumori infiammatori, angiomi ( anch se più raramente ), cisti, metastasi, linfangiomi. Come vede c'è un'ampia variabilità ecco prchè occorrono ulteriori esami e d'altra parte occorre soprattutto avere conferma dell'esistenza o nò di queste aree, altrimenti facciamo soltanto discorsi ipotetici
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 143XXX

La ringrazio molto.

[#5] dopo  
Utente 143XXX

Salve,
ho eseguito la risonanza magnetica e il referto è stato:
-RM SUPERIORE CON M.D.C.
Non evidenza di significativa quota fluida peritoneale.
Fegato in sede, di regolare morfovolumetria, senza evidenza di significative aree di alterato segnale da riferie a lesioni focali nei limiti di risoluzionedella metodica.
Vie bilari presentano calibro conservato e segnale omogeneo.
Milza in sede, di volume regolare e segnale omogeneo.
Pancreas sostanzialmente di conservata morfovolumetria.
Surreni di regolare morfovolumetria e struttura.
Entrambi i reni sono in sede, regolari per forma e volume senza apprezzabile dilatazione delle formazioni calico-pieliche. Non si apprezzano significative tumefazioni delle stazioni linfonodali retroperitoneali.

-RM PELVICA CON M.D.C.
Non
evidenza di significativa quota fluida peritoneale. La vescica è in sede, senza definitive alterazioni parietali. Utero lievemente deviato a sinistra, di forma e volume normali, con fisiologica ed omogenea differenziazione del segnale endometrio-miometriale e cavità omogenea. Non si apprezzano significative tumefazioni delle stazioni linfonodali iliache, otturatorie ed inguinali.
Adesso vorrei farle una domanda: com'è possibile che sia facendo la visita, sia in due ecografie la milza risulti ingrossata mentre nella tac e nella risonanza magnetica no?
Distinti Saluti.

[#6]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Perchè la TAC e la RM sono più precise di un'ecografia utilizzando per migliore visione anche il MDC. La cosa fondamentale è che la milza appare di struttura omogenea e non presenta aree ipoecogene
Un saluto

A. Baraldi