Utente 144XXX
salve, ho fatto delle analisi del sangue per quanto riguarda il g6pd per effettuare un concorso statale. Ebbene, per questo concorso era richiesto il metodo quantitativo e come risultato il valore è di 0,26 Ul/gHb. A fianco al risultato però vi sono dei riferimenti: maschi normali >9,51. Il mio valore è alto o basso?
grazie mille per l'attenzione

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il valore è basso, io lo ricontrollerei presso altro laboratorio
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 144XXX

grazie mille..è già la seconda volta che mi ritrovo a farle nel giro di sei mesi..ed entrambe le volte mi hanno detto che il valore è basso..grazie mille

[#3] dopo  
Utente 144XXX

ma per basso però che intende? che ne sono molto affetto o poco?

[#4]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Sarebbe opportuno fare ulteriori test di tipo genetico per una valutazione completa della sua situazione e questi possono essere fatti presso ospedali od università, ma senza alcun allarme
Un saluto

A. Baraldi

[#5] dopo  
Utente 144XXX

le spiego..io so che sono fabico..lo so da quando sono nato..e non mi stupirei di avere un valore molto alto..il fatto è che il concorso è un corcorso militare..e se il valore è troppo alto non entro..

[#6]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Sò per certo che il favismo , che un tempo era motivo di non idoneità per il militare, oggi non lo è più a meno che non vi siano evidenti problematiche di crisi emolitiche. I valori entro i quali si può essere ammessi non li conosco con precisione ma ti invio un link dell'associazione favismo dove vi sono le leggi che regolano l'ammissione dei volontari:

http://www.g6pd.org/favism/italiano/index.mvc?pgid=leggi
Un saluto

A. Baraldi