Utente 155XXX
salve gentili dottori sono un ragazzo di reggio calabria e sono molto preoccupato per una mia compagna che ha un linfoma polmonare.Giorni fa ha fatto un autotrapianto di cellule staminali che avrebbe dovuto essere la fase conclusiva del trattamento contro la patologia,sfortunamtamente pero' il linfoma e' andato avanti,a detta dei medici si e' verificato un aumento delle lesioni tumorali per intensita' e fissazione.Ha bisogno dunque di un nuovo trapianto,questa volta da parte di un donatore,che ovviamente va ricercato nei relativi registri internazionali.Chiaramente io,cosi' come gli altri nostri compagni,abbiamo molto a cuore la situazione ed eravamo tutti propensi a voler tentare il test di compatibilita' hla per cercare di aiutarla.Sono dunque andato oggi all'ospedale in cui la mia compagna e' ricoverata per conoscere la procedura di questo esame e mi e' stato risposto che per donare il midollo osseo,anche solo potenzialmente visto la notevole difficolta' di rintracciare una compatibilita' molto alta,bisogna essere obbligatoriamente iscritti al registro internazionale di donatori di midollo osseo.Saputo cio' ho chiesto subito spiegazioni e mi e' stato detto che questo e' un esame molto costoso e che la sanita' italiana non puo' accollarsi una tale spesa mentre nel caso dei donatori e' direttamente la relativa associazione a coprire le spese.Ho chiesto allora come poter fare tale esame da privato a spese mie ma non mi e' stato risposto nulla se non che' e' quasi impossibile trovare una tale struttura.Voglio chiedere a voi dunque ,gentili dottori,se conosciete qualche struutura dove poter fare questo esame per cercare la compatibilita'ed una altra,ultima,cosa:se per caso non si trovasse un donatore cosa accadrebbe?Ringrazio anticipatamente e spero che ci possiate aiutare

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Prova a rivolgerti all'ADMO di cui ti lascio il link:

http://www.admo.it/
Un saluto

A. Baraldi