Utente 275XXX
A seguito di analisi di controllo fatte nel periodo di Pasqua scorso, il mio compagno (29 anni)ha saputo di avere i due valori GOT e GPT alterati (+ alti della norma).
I sintomi iniziali, che tuttora persistono (anche se in misura minore, erano acidità, bruciori allo stomaco, lentezza nella digestione.
Tutti i valori delle analisi erano nella norma (comprese le urine). A distanza di un mese ha fatto analisi solo per questi due valori e risultavano essere aumentati.
Circa 15 gg fa ha fatto di nuovo analisi del sangue + markers epatici + ecografia.
Le analisi sono sempre uguali, i markers sono tutti negativi ed il risulato delle ecografie ha evidenziato un leggero ingrossamento del fegato e un calcolo di piccole dimensioni al rene.
Al momento il medico non ha dato nessuna terapia farmacologica; per il calcolo ha detto di limitarsi a bere acqua oligominerale e di fare altra ecografia tra un paio di mesi e per il fegato di seguire un regime alimentare regolare (niente caffè, grassi, fritti, ecc.)
I sintomi ci sono ancora e mi chiedo che relazione c'è tra il calcolo al rene e i valori delle analisi; e inoltre che relazione c'è tra il bruciore di stomaco e i valori delle analisi?
grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Antonino Tillieci

24% attività
0% attualità
0% socialità
UZZANO (PT)
PESCIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Le transaminasi alterate, in genere, sono segno di una sofferenza biliare, pertanto consiglierei di effettuare anche una colecistografia. Un malfunzionamento della colecisti comporta quei sintomi che Lei ha descritto. Sono assolutamente d'accordo alla corretta alimentazione, aggiungo, evitare alcool, fumo e pasti abbondanti, ma piccoli pasti ripetuti nella giornata.
Auguri.