Utente 108XXX
mio figlio di anni 20 da tre anni ha problemi con le transam. alte ,in particolare GOT (AST) e GPT (ALT) con valori molto alti, anche oltre 700, GPT sempre maggiore. Dopo molte cure e Biopsia al Fegato è stata diagnosticata una presumibile epatite autoimmune, forse causata da pregressa mononucleosi. Attualmente e sotto cura con deltacortene 5 mg ed i valori sono rientrati nella norma ma comesopsende il medicinale inizano progressivamente ad aumentare. i vari specialisti interpellati non confermano con certezza che trattasi di epatite autoimmune. Come devo fare per sapere esattamente di che cosa soffre e se dovrà continuare per tutta la vita ad assumere cortisoni ( che sicuramente nel tempo facciamo molto male) Aspetto una cortese risposta. Grazie.-

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Di norma la biopsia dovrebbe avere dato una diagnosi certa e sicuramente , se trattasi di epatite autoimmune, è corretta la terapia cortisonica; sul prosieguo delle cure deve pronunciarsi un centro epatologico; credo siano stati fatti anche tutti i vari esami per anticorpi per definire questa epatite.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Grazie per la risposta, in particolare quella del Dr. Baraldi . Preciso ulteriormente che dalla Biopsia non è emerso un quadro precisoinfatti è stato fornito il seguente commento: "il quadro morfologico, in assenza di market virali è compatibile con una epatite autoimmune. Nonostante non sia presente rame negli epatociti e non si osservano spie istologiche sospette di accumulo di alfa 1 antitripsina, l'età del paziente nonchè l'attuale negatività degli anticorpi( la cui assenza potrebbe tuttavia essere legata alla trerapia immunosoppressiva effettuata) devono indurre anche ad escludere clinicamente, questa patologia o altro".
Tra i vari esami effettuati circa gli anticorpi quelli che hanno dato un risultato positivo sono stati:
Herpes Ig totali Presenti
IgG ANTI VIRUS EPSTEIN BARR 84,7
IgM ANTI VIRUS EPSTEIN BARR 2,8
AB ANTI NUCLEO (IFA) Presenti (1:80)
in attesa di un sollecito riscontro ringrazio vivamente

[#3] dopo  
Utente 108XXX

Grazie per la risposta, in particolare quella del Dr. Baraldi . Preciso ulteriormente che dalla Biopsia non è emerso un quadro preciso infatti è stato fornito il seguente commento: "il quadro morfologico, in assenza di market virali è compatibile con una epatite autoimmune. Nonostante non sia presente rame negli epatociti e non si osservano spie istologiche sospette di accumulo di alfa 1 antitripsina, l'età del paziente nonchè l'attuale negatività degli anticorpi( la cui assenza potrebbe tuttavia essere legata alla trerapia immunosoppressiva effettuata) devono indurre anche ad escludere clinicamente, questa patologia o altro".
Tra i vari esami effettuati circa gli anticorpi quelli che hanno dato un risultato positivo sono stati:
Herpes Ig totali Presenti
IgG ANTI VIRUS EPSTEIN BARR 84,7
IgM ANTI VIRUS EPSTEIN BARR 2,8
AB ANTI NUCLEO (IFA) Presenti (1:80)
in attesa di un sollecito riscontro ringrazio vivamente

[#4]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Sì, però nel referto noto un poco di contraddizione; all'inizio si dice che il quadro morfologico è compatibile con epatite autoimmune ed alla fine referto che l'atuuale negatività degli anticorpi deve indurre ad escludere clinicamente questa patologia od altro. Non sò, si faccia spiegare meglio questo referto dal suo epatologo
Un saluto

A. Baraldi

[#5] dopo  
Utente 108XXX

Grazie per la risposta, infatti ho provato a chiedere ulteriori spiegazione ma mi rispondono che per sapere qualcosa di piu preciso dovrebbe ripetere la biopsia ed io naturalmente sono contrario. per adesso continua con la cura di solo deltacortene 5 mg. al giorno e comunque riesce a tenere nella media i valori delle transaminasi.
Secondo un suo parere e influente il valore AB ANTINUCLEO "IFA" " presente" e quali esami specifici potrebbe fare (a parte la biopsia)per accertare che trattasi realmente di epatite autoimmune. Dovra continuare per tutta la vita con il deltacortene? (come sospende rialzano i valori)Porterà conseguenze negli anni l'assunzione di tale farmaco? Spero di avere presto risposta in merito alle mie domande e ringrazio vivamente.

[#6]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Un titolo 1:80 ha ben poca significatività; per l'epatite su base autoimmune i valori sono ben più alti; l'esame di scelta è la biopsia che ,però, nel suo caso, è contraddittoria
Un saluto

A. Baraldi

[#7] dopo  
Utente 108XXX

esiste attualmente una cura per l'epatite autoimmune. che danni comporta nel tempo la cura con il solo cortisone. grazie

[#8]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Il trattamento è con cortisone e va valutato caso per caso
Un saluto

A. Baraldi