Utente 187XXX
Buongiono, a seguito di una anemia prolungata con linfocitosi il mio medico in Italia ha richiesto una tipizzazione linfocitaria. Questi sono i risultati: CD3(T immunocompetenti) 77,2 CD19(B totali) 11,0 CD4 45,8 CD8 24,0( bassi per il valore di riferimento che e'31-40) CD56 6,1( bassi per val. rif. 10-19) Rapporto CD4/CD8 1,8.
Io vivo in un paese del terzo mondo e purtroppo non ho nessuno a cui chiedere. Mi puo' indicativamente dire cosa ne pensa?
Grazie

[#1]  
Dr. Giacomo Sarzo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
premetto che Non ho molta esperienza con le sottopopolazioni linfocitarie tuttavia provo a darle una risposta in attesa che qualche collega infettivologo/ematologo di questo portale possa risponderle . sembra che ci sua una minore competenza dell'attività delle cellule Immunitarie di tipo T quelle della linea killer, tuttavia il rapporto CD4/CD8 e' regolare > di 1 quindi non vi dovrebbrebbero essere problemi di immunodepressione (HIV). Sarebbe bene far sapere dove vive , in che paese del terzo mondo e oltre all' anemia se ha dell'altro .
Cordialmente
Dr Sarzo Giacomo
Dr. Giacomo Sarzo
Unità Chirurgia Colon-Proctologica
Università Degli Studi di Padova
www.colon.it - +39 049 776888

[#2]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Si concordo con il collega , sono valori sostanzialmente di normalità con un buon rapporto CD4/CD8. Tenga conto che linfocitosi possono presentarsi per forme virali anche inapparenti; bisognerebbe anche fare uno striscio di sangue per vedere la morfologia di questi linfociti
Un saluto

A. Baraldi

[#3] dopo  
Utente 187XXX

Buongiorno,
grazie delle risposte. Vivo ad i Caraibi e ha scoperto da non molto che ho l’epatite C, puo’ essere questa una delle cause ?
Le mie transaminasi sono comunque nella norma cosi’ come l’ecografia epatica.
Ho consultato un epatologo a Roma che mi ha suggerito di non iniziare al momento nessuna terapia anche perche’ sembra ci siano nuovi farmaci in sperimentazione che sembra abbiano effetti migliori dell’interferone.
Un saluto

[#4]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Bisgna vedere di che tipo di virus epatitico C si tratta e poi la carica virale con esami quali PCR; le consiglio di sentire un centro infettivologico
Un saluto

A. Baraldi