Utente 191XXX
buongiorno,
vorrei un consulto su questi dati avendo fatto una tipizzazione dei linfociti.
nel mese di febbraio i linfociti erano 4.06, nel mese di marzo sono a 2.40 e suddivisi cosi:
CD3 TOT 68%
CD3 CD4 30 %
CD3 CD8 37%
CD3 TOT 1632
CD4 720
CD8 888
RATIO CD4 CD8 0.81

alla luce di questi dati cosa mi potete dire?sono nel timore di essermi contagiato con il virus dell hiv, ho gia fatto due test e sono negativi ma la conta dei linfociti è diminuita notevolmente in un mese e la ratio è bassa e anche i cd3 cd4 che dovrebbero essere dal 34% al 48% come i cd3 cd8 che dovrebbero essere tra i 15 e il 27% ed io ce li ho a 37%.

la ratio dice il mio dottore che è di famiglia cosi bassa ce l abbiamo in 5 nella nostra famiglia cioè tra cugini e nipoti e sorelle.
cosa ne dite voi?
sono molto preoccupato di aver contratto l hiv ma questi due test sono negativi...nn mi spiego perche i linfociti si sono abbassati cosi tanto, ho assunto degli antibiotici nell ultimo mese amoxicillina e sto prendendo bactrim perhe ho avuto delle ghiandole sudoripare ingrossate e arrossate. grazie.

[#1]  
Dr. Pierluigi Alfieri

24% attività
0% attualità
0% socialità
MODENA (MO)
REGGIO EMILIA (RE)
CARPI (MO)
TARANTO (TA)
SAVA (TA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Una conta linfocitaria assoluta di 2.400/mcl è un valore normale. Semmai i 4.000 di un mese fa erano un pò alti.

La tipizzazione non mi preoccupa visto che è stata eseguita in corso di stato infiammatorio e assunzione di antimicrobici. Le alterazioni delle sottopopolazioni linfocitarie sono comunque modestissime.

Piuttosto, se ha il concreto timore di aver contratto l'HIV, esegua il test sierologico di screening.

Cordialmente,
Dr. Pierluigi Alfieri
Specialista in Ematologia

[#2] dopo  
Utente 191XXX

grazie dottore, ma cosa vuol dire screening sierologico?ho gia fatto due volte il test e mi da esito negativo ma ho una cheratite da due mesi che non passa e a questo punto sospetto un interessamento virale di un infezione.
grazie.

[#3] dopo  
Utente 191XXX

cioè volevo dire che ho letto in alcuni siti che è un sintomo che le mucose dell occhio si alterano in concomitanza con una infezione da hiv. il test fatto a 30gg e a 67 gg esito negativo. mi consiglia di fare un test hiv rna?si potrebbe scoprire il virus e quanto puo essere attendibile?grazie.
a cosa sono dovuti 4000 linfociti alti di un mese?percio da quel che ho capito si possono diminuire per infezioni batterologiche,ho capito bene?grazie.
cordialmente.

[#4]  
Dr. Pierluigi Alfieri

24% attività
0% attualità
0% socialità
MODENA (MO)
REGGIO EMILIA (RE)
CARPI (MO)
TARANTO (TA)
SAVA (TA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
Mi scuso ma nel primo messaggio non avevo capito che aveva già eseguito il test di screening per HIV per due volte e che in entrambi i casi il risultato è stato negativo. Direi che può stare assolutamente tranquillo da questo punto di vista.

In ogni caso le cheratiti sono in genere determinate da numerosi altri virus più banali (adenovirus e virus herpetici); tenga presente che per definizione i virus comportano quasi sempre un aumento transitorio dei linfociti. Probabilmente ora l'infezione si è attenuata o è in via di risoluzione e i linfociti sono rientrati nella norma dopo un breve incremento.

Ripeta un emocromo con formula leucocitaria (non la tipizzazione linfocitaria) tra qualche mese e ci tenga aggiornati.

Saluti,
Dr. Pierluigi Alfieri
Specialista in Ematologia

[#5] dopo  
Utente 191XXX

al primo febbraio avevo questi parametri:
globuli bianchi 8.86
globuli rossi 5.34
hgb 17.2
hct 50
mcv 94
mch 32.2 (unico valore nn nella norma)

mchc 34.1
plt 192
neutrofili 3.79
linfociti 4.06
monociti 0.75
eosinofili 0.24
basofili 0.02
ves 7

grazie.

cosa dice lo devo rifare ora un altro emocromo?sta parlando di formula leucocitaria giusto?è questa?grazie.

[#6] dopo  
Utente 191XXX

l infezione è ancora presente all occhio, e ho avuto nel periodo della febbre ad inizio gennaio prima durante e dopo le ghiandole ascellari sudoripare infiammate e per due tre giorni una zona di arrossamento nel capezzolo sinistro sui peli del pube simil brufolo ma penso un linfonodo e sull ano una ghiandola infiammata che tastandola era grossa di un cm. poi mi tornata a febbraio sotto un ascella una ghiandola molto grossa curata con gentalyn e amoxicillina e poi di nuovo altre due piccole ghiandole che sto curando con bactrim e travacort.
sto leggendo da piu parti che se ci fosse un infezione da hiv vengono fuori anche agli occhi dei sintomi di infezione. le chiedevo se per caso il test hiv rna è attendibile per una ulteriore valutazione e le chiedo se ora posso fare un emocromo a distanza di un mese e 10 gg dal primo febbraio e in piu la conta dei linfociti. come mi devo muovere per tenermi sotto controllo?grazie.

[#7]  
Dr. Pierluigi Alfieri

24% attività
0% attualità
0% socialità
MODENA (MO)
REGGIO EMILIA (RE)
CARPI (MO)
TARANTO (TA)
SAVA (TA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
Non intendo ripetermi sul discorso HIV. Lei non ha l'HIV. A causarLe la cheratocongiuntivite è stato probabilmente un altro virus, una Clamidia o qualche altro germe, ma non l'HIV.

Per quanto riguarda il monitoraggio della conta linfocitaria è sufficiente che Lei ripeta un emocromo (che include anche la formula leucocitaria e quindi anche la conta dei linfociti) tra qualche mese. Non ora. Ma fra due-tre mesi.

Faccia nel frattempo tutti gli accertamenti in ambito oculistico/infettivologico per appurare la natura dell'infiammazione all'occhio, se La faccia curare e poi esegua gli esami del sangue.

Saluti. Passo e chiudo.
Dr. Pierluigi Alfieri
Specialista in Ematologia

[#8] dopo  
Utente 191XXX

grazie dottore, mi ha detto l oculista che puo essere una forma di adenovirus. domani attendo l esito della clamydia, ma come mai mi dice che è cosi sicuro che nn ho contratto l hiv? da piu parti leggo che il rapporto cd4 cd8 inferiore è sintomo da infezione da hiv, è vero?grazie dottore.
cmq farò come dice. se volevo chiedere se un hiv rna puo togliermi tutti i dubbi e se ripetendo il test per gli anticorpi hiv a fine mese potrebbe diventare positivo, quante probabilità ci sono?grazie dottore.

[#9] dopo  
Utente 191XXX

cmq dottore sono due mesi che ci vado dietro con sto occhio...lei dice che nn è assoggettabile all hiv?grz. cordiali saluti.

[#10]  
Dr. Pierluigi Alfieri

24% attività
0% attualità
0% socialità
MODENA (MO)
REGGIO EMILIA (RE)
CARPI (MO)
TARANTO (TA)
SAVA (TA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
Dal momento che nè la negatività in due test consecutivi nè le rassicurazioni di diversi infettivologi sono stati sufficienti a tranquillizzarLa in merito al contagio HIV, non Le resta che ripetere il test di screening tutti i mesi fino a che non si convincerà. Dubito che un test HIV-RNA possa dirimere definitivamente i suoi dubbi.

La tipizzazione linfocitaria e il rapporto CD4/CD8 possono subire alterazioni in conseguenza ad infezioni virali di qualsiasi tipo (anche con l'adenovirus agli occhi o una banale influenza).

Nella speranza che non debba più porsi e porre le stesse domande, Le auguro buona fortuna e Le consiglio viva attenzione nelle Sue future condotte sessuali.

Saluti,

P.S. perdoni la schiettezza da me usata per limitare le Sue (in)giustificate ansie ;)

Dr. Pierluigi Alfieri
Specialista in Ematologia