Utente 193XXX
Buonasera,richiedo informazioni riguardo la storia clinica di mio padre(64 anni),il quale due mesi fa e' stato ricoverato d'urgenza in seguito ad un'importante emorragia interna causata da ulcera duodenale che ha ridotto l'emoglogina a 4.Ed ovviamente tutti gli altri valori completamente sballati,al limite della sopravvivenza.Ad oggi,in seguito a trasfusioni ematiche,cure per lo stomaco la situazione e' migliorata e l'HGB e' arrivata a 10,l'ulcera cicatrizzata,ma sideremia,ferritina sono ancora con valori preoccupanti.Ora nella terapia e' stato aggiunto Ferrofolin 2 fiale al di'.Il sintomo post-ricovero piu' fastidioso al momento e' un diffuso dolore alle articolazioni superiori e inferiori che generano un problema nei movimenti quotidiani e al riposo notturno,e non cenna a diminuire.Siamo coscenti del fatto che e' un corpo provato da un profondo stress,da un dimagrimento di circa 10 kg,e da carenze importanti;ma da cosa puo' scaturire tutto questo dolore?E' una conseguenza alle carenze in corso?Possono essere utili altri accertamenti?Grazie infinite per la Vostra disponibilta'.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Caro signore,
lei non cita le evidenze endoscopiche (sia al momento emorragico che al giusto controllo successivo), nè se suo padre è risultato HP+ (nel qual caso è mandataria l'eradicazione), nè cita, ma le lascia intravedere, comorbilità (altre patologie) che possono avere anch'esse un ruolo importante in una ripresa più o meno rapida.
Credo che un inquadramento gastroenterologico del paziente, attento e soprattutto competente, possa aiutarvi ad uscire fuori da questa brutta vicenda.

I migliori auguri.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 193XXX

Gentile Dott Quatraro,in effetti non sono stata molto esaustiva;provero' ad essere piu' chiara.La diagnosi iniziale e' stata"ulcera duodenale sanguinante dopo assunzione di FANS";anemizzazione acuta(Hb 4,6),EGDS che mostrava bulbo duodenale deformato per esiti cicatriziali e ulcera di ca 4-5mm a fondo deterso in parete anteriore.Dimesso con un Hb pari a 8,7.Ad oggi l'EGDS di controllo da una completa regressione della lesione ulcerativa,eseguite anche biopsie per controllo HP+ in attesa di esito ;purtroppo pero' i valori dell'emocromo ad oggi sono ancora molto bassi(HGB 9,8); Sideremia 24; VES 100; PCR 6,27.Eseguiti anche Antic.anti-muscolo liscio(negativo),Antic.anti-nucleo estraibili(negativo), Anticorpi antinucleo e Frazione C3 e C4 in corso di sviluppo.La cosa che piu' ci preoccupa sono questi dolori diffusi a tutto il corpo che spesso provocano limitazioni alle operazioni quotidiane,sorti immediatamente la dimissione dall'ospedale e che hanno,sembra,un'escalation giornaliera.Cosa ne pensa?C'e' da ipotizzare qlc a livello immunitario?Grazie ancora per la Sua disponibilita'.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Penso che in due mesi è già confortante la salita dell'Hgb da 4,6 a 9,8 (può non essere così immediato il recupero dei valori emocromocitometrici).
Inoltre aggiungerei che il problema ulcera, per suo padre, non è nuovo visto il riscontro di un bulbo cicatriziale e che, come le aveo fatto intuire è HP+ correlato, si impone quindi il trattamento eradicante. Presumo che sia stata una EGDS di controllo ad evidenziare la cicatrizzazione dell'ulcera, il che rappresenta una buona notizia.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 193XXX

La ringrazio per la tempestivita' e per le parole di conforto.La terro' informata sullo sviluppo delle altre analisi,pronte a giorni.Buon lavoro.