Utente cancellato
A seguito di diagnosi per piastrinosi (666) l'ematologa mi ha prescritto eco-addomme risultando tutto normale tranne la milza lievemente aumentata di volume. Tutte le analisi sangue normali, premetto che le piastrine stanno aumentando da 20 anni a questa parte. Vorrei sapere se c'è correlazione con l'aumento di volume della milza, cioè se sono le piastrine che affaticano la milza.
Non ho altri sintomi apparenti, non soffro di mal di testa, non ho problemi cardiaci o quant'altro. La milza può tornare normale? Basta la cardioaspirina che prendo tutti i giorni per evitare trombosi? Ho il terrore che facendo la biopsia midollare possano trovare qualche tumore, è verosimile o sono esagerata. Dai sintomi sospettando una trombocitemia essenziale; essendo una donna di 48 anni che prospettive future ho? Vi ringrazio fin d'ora della gentile risposta.
Cordialmente Carla

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

i suoi valori di piastrine < 1.000.000, la sua età, l'assenza di precedenti eventi trombotici, e, se lei non è fumatrice e/o obesa, la fa rientrare in un basso rischio, dove eventuali complicanze tromboemboliche sono come incidenza pressochè sovrapponibili alla popolazione di controllo. In queste situazioni l'unica cosa da fare è il controllo nel tempo dei valori di piastrine e l'utilizzo di cardioaspirina.

Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
10095

dal 2008
La ringrazio Dr. Baraldi della tempestiva risposta e mi sento ora più tranquilla.
L'ematologa mi ha prescritto striscio s.v.p., estraz. DNA, Jak 2, che ritirerò il 18/3. Dopodichè dovrò portarle tutti gli esami e deciderà se è il caso di fare la biopsia midollare.
Per completarle il quadro della mia stituazione Le rispondo che non sono una fumatrice, nè sono obesa, sto molto attenta all'alimentazione, infatti, ho la glicemia, i trigliceridi e il colesterolo semore vicino ai valori più bassi.
Crede che sia necessario fare la biopsia midollare, anche se tutti gli esami risultassero negativi? Cosa rischio non facendola?
In ultimo risponda alla mia domanda, la milza lievemente aumentata che significa? fa fatica per le piastrine alte?
Aspetto una sua gentile risposta e terrò in considerazione il suo nominativo perchè sono di Roma.
Cordiali saluti Carla

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

se tutti gli esami che dovrà fare risultassero negativi, il mio parere è di tenere sotto controllo periodicamente le piastrine, come ha fatto finora.
Riguardo la biopsia ci sono pareri diversi: il mio personale è di riservarla, sempre che , ripeto , tutti gli esami siano negativi, a valori di piastrine > 1.000.000; alcuni, per esempio con valori fino a circa 650.000 attuano solo un controllo periodico.
Per quanto attiene al lieve aumento di volume della milza, se questo persisterà nel tempo, in tal caso , a scopo precauzionale, si potrà prendere in considerazione anche la biopsia midollare; sarà la sua ematologa a decidere in relazione al quadro complessivo.
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
10095

dal 2008
Grazie Dr. Baraldi della sua risposta, ora mi sento più tranquilla.
Cordiali saluti