Utente 158XXX
Salve vorrei porvi questa situazione, la storia della malattia di mia mamma!

Dicembre 2009
Per 1 Ciclo:
Alkeran 2mg cp -----> 2 cp mattina e sera per 4 gg
Deltacortene 25mg cp -----> 1 cp mattina e sera per 4gg.

Per 4 Cicli:
Thalidomide 50mg cp -----> 2 cp la sera per 21 gg
Coumadin cp -----> 1/4 la sera per 21 gg
Alkeran 2mg cp -----> 5 cp a digiuno per 4gg
Deltacortene 25mg cp -----> 2cp a pranzo per 4gg

Per 18 Cicli:
Revlimid 25mg cp -----> 1 cp al giorno per 21 gg
Coumadin cp -----> 1/4 la sera per 21 gg
Soldesan fiale 4mg -----> 5 fiale al giorno per 4 gg

Inoltre dal 4° al 18° Ciclo con REVLIMID la dose di REVLIMID è stata ridotta a 1compressa al gorno per 5gg invece di 7 gg a settimana a causa di tossicità avendo un calo di Globuli Bianchi.

Dal 13 dicembre 2011 per ripresa della malattia e calo di emoglobina cambiano terapia praticando:
Bortezomib (Velcade) somministrato per iniezione endovenosa alla dose iniziale di 2 g + 20 mg di Soldesan per via orale + altri 20 mg di Soldesan per via orale il giorno successivo + ZOMETA 1 volta al mese, il tutto per 2 cicli 2 volte a settimana per 2 settimane e 15 gg di riposo, mentre dopo sempre per troppa tossicità si è passati a Bortezomib (Velcade) 1,5 g + 20 mg di Soldesan per via orale + altri 20 mg di Soldesan per via orale il giorno successivo + ZOMETA 1 volta al mese, 1 volta a settimana per 4 settimane e 10 giorni di riposo. Venerdi 18 Maggio 2012 dopo un calo di emoglobina i medici, in base ai risultati dell’emocromo hanno riscontrato una LEUCEMIA PLASMACELLULARE, confermata dall’analisi del Midollo.

Ora la Dott.ssa che tiene in cura mamma ha detto che secondo lei non ci sta più niente da fare in quanto ha provato tutte i protocolli di terapia attuali, però ha detto che avrebbe parlato con il Primario per vedere se è possibile di provare con qualche protocollo vecchio.
Ha detto anche che il trapianto non lo può fare in quanto sta fuori con l’età (67 anni).
Volevo sapere se veramente non ci sono più speranze, oppure come devo fare.
Vi prego Aiutatemi.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Un valutazione può essere fatta soltanto dai medici che hanno in cura la mamma e che la conoscono direttamente. Il trapianto in effetti è fuori dalle possibilità , vista l'età. Valutate se sentire anche i colleghi di Napoli per eventuale diverso protocollo
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 158XXX

Stamattina siamo stati all'ospedale, hanno deciso di iniziare la chemioterapia!
Secondo voi va bene?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Vede , così a distanza non si può esprimere parere , se i medici del reparto hanno optato per un nuovo ciclo di chemio avranno valutato la necessità di farlo; abbiate fiducia
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 158XXX

Mamma non ce l'ha fatta! :'-(

[#5] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Mi dispiace , evidentemente la situazione era veramente grave, come già le era stato detto, ed i colleghi hanno tentato il tutto ma non c'è stato nulla da fare. Le pongo le mie condoglianze.
Un saluto

A. Baraldi