Utente 277XXX
salve, sono una signora di 35 anni a cui a novembre 2012 è stata diagnosticata una microembolia all'arteria del polmone forse causata dalla pillola anticoncezionale.ora sono in terapia anticoagulante con il coumadin per cui effettuo ogni settimana il controllo tao ed il valore al momento rimane su 1.45 con una punta fino a 1.88.le volevo intanto chiedere secondo lei per quanto tempo dovrò effettuare la terapia con il coumadin e poi le chiedo un consulto sugli esito dei seguenti esami:

esami del 13/11/2012 :

PROTEINA C COAGULATIVA 97 %

PROTEINA S COAGULATIVA 126

OMOCISTEINA 14.9 UMOL/L

esami del 23/11/2012

FATTORE V DI LEIDEN 127.7 %

POLIMORFISMO PROTROMBINA ASSENTE

MUTAZIONE FATTORE V
- MUTAZIONE G1691A (LEIDEN) ASSENTE
-MUTAZIONE H1299 (R2) ASSENTE

risulterebbe quindi un pò più alto del range il fattore V di leiden (range 70.0-120.0) e la proteina s coagulativa mentre l'omocisteina è elevata?cosa significa?

mi consiglia di ripetere qualche esame tra un po'?e' possibile che la causa dei microemboli sia la pillola anticoncezionale che ho preso per 10 anni?

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Riguardo i tempi di terapia li può decidere soltanto il suo medico che la conosce direttamente. I valori sono, a parte l'omocisteina un pio' alta, nella norma e lo scostamento di proteina S e fattore V non ha specificità. Sull'omocisteina può essere efficace una terapia con ac folico ed una dieta ricca in verdura con poca carne . Ne parli con il suo medico
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 277XXX

grazie mille per la risposta...
l'acido folico lo prendevo in gravidanza,assumevo la folina ma al momento non ricordo il dosaggio...quale sarebbe quello ottimale?

Grazie...

[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
In generale la folina è di una / due capsule al giorno ma poi sarà il suo medico a decidere
Un saluto

A. Baraldi