Utente 291XXX
Salve dottore, queste sono le mie ultime analisi: http://img441.imageshack.us/img441/7091/immagine1rc.jpg
http://img171.imageshack.us/img171/6272/immagine2kg.jpg

Ho fatto l'esame e risulta che sono portatore Sano di Anemia Mediterranea e affetto dalla Sindrome di Gilbert, inoltre, vorrei entrare nell'esercito e vedendo sul web da siti specializzati mi hanno detto che il valore massimo per la Bilirubina indiretta è di 4mg e quella totale di 3mg, mi hanno inoltre detto che se dovessero scartarmi per quella indiretta potrei fare ricorso (ma non so poi per quella totale).
Vorrei chiedere: ci sono "diete" alimentari da seguire per far abbassare i valori di Bilirubina tot, dir e indiretta? Ho visto che esistono farmaci ma li vorrei evitare, e inoltre: di quanto si abbasserebbe la Bilirubina con diete alimentari? e di quanto con farmaci? Quale dei due è migliore?

Ps: oggi sono andato dall'ortopedico e mi ha detto che devo fare movimento ed inoltre ha detto che per L'A.M (anemia mediterranea) potrei farne piano piano sempre di più e non affaticare troppo il corpo così non dovrei avere elevazioni di valori nel sangue, allenando il mio corpo esso si adatterebbe a sforzi?

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Riguardo il militare bisogna vedere se con i suoi valori , che superano i massimi dell'esercito la fanno idoneo; non esitono diete particolari nè farmaci per abbassarla poichè il problema è genetico. L'unica cosa , è fare l'esame del sangue avendo mangiato qualcosa un'oretta prima poichè il test risente del digiuno ( fa aumentare la bilirubina )
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 291XXX

che alimento potrei mangiare prima delle analisi senza che faccia sbalzare i valori delle altre cose?

[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Qualunque alimento ma non zuccherato per l'incidenza sul valore di glicemia
Un saluto

A. Baraldi