Utente 296XXX
Da circa sette anni sono vegetariano. L'anno scorso ho avuto problemi di stanchezza e tachicardia e dopo aver effettuato le analisi del sangue la sideremia (57) e la ferritina (67) erano molto basse. Ho effettuato dietro consiglio del medico di base tre mesi di integrazione con Ferrogreen ed Intrafer e carne bianca una volta la settimana ed ho miglirato i valori sia della sideremia (121) che della ferritina (91). Purtroppo avendo raggiunto tali valori ho pensato bene di smettere l'integrazione e di continuare con la carne bianca una volta a settimana e un uovo , mangiando sempre vari legumi etc etc .
Dopo quattro mesi la situazione è: Sideremia 55 e Ferritina 91,6.
La cosa strana è che sia l'emoglobina che emocromo sono nella norma:

Emoglobina in grammi 16,2
Emoglobina per cento 101,1
Ematocrito 49
MCV 90
MCH 29,8
MCHC 33,1
Globuli rossi 5,44
Globuli bianchi 6,0
Ves 5
Conta piastrine 291
Valore globulare 0,92

La mia domanda è. possibile che l'integrazione della carne una volta a settimana non basti? Oppuere che non assimili bene il ferro? Non è strano che la sediremia sia così bassa anche se tutti gli altri parametri sono nella norma? A proposito che cosa significa Emoglobina per cento (ho il parametro di 101,1, che a me sembra molto alto). Non era il caso di fare anche l'esame della transferrina?

Non le avrei scritto se non mi sentissi veramente molto stanco ed affaticato. Quando poi subentra il freddo comincio ad avere brividi, dolori alla pancia, tachicardia.......

Ringraziandola per la cortesa risposta le invio i miei più cordiale saluti.




[#1] dopo  
Dr. Massimo Scorretti

24% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
E’ molto probabile che alla base di questa disfunzione vi sia la sua scelta di vita di passare da un regime alimentare misto ad un regime alimentare incentrato solo sui substrati di derivazione vegetale.
A lungo andare (dello stato selettivo di alimentazione) si è creata una sorta di svuotamento delle riserve di ferro, fino ad approdare ad una deplezione molto marcata del minerale che – le rammento – è fondamentale, prinicipalmente ma non solo, per il trasporto dell’ossigeno nel sangue, dai polmoni ai tessuti.
Occorre aggiungere alcuni dati relativi al comportamento del ferro nell’organismo.
Di norma la componente relativa al Ferro che si trova negli alimenti ingeriti, viene assorbita lentamente e parzialmente. Solo il 5-15% del ferro ingerito viene assorbito a livello dell’intestino tenue. L'assorbimento del Ferro è in stretta relazione alla forma chimica in cui esso si trova nell'alimento ingerito. Ad esempio il ferro emico (Ferro collocato all’interno del gruppo eme emoglobinico) è assorbito in maggior misura del Ferro non-emico. Questo tipo di Ferro è maggiormente rilevabile negli alimenti di origine animale, a sua volta, invece, il ferro non-emico è riscontrabile essenzialmente in alcuni tipi di vegetale. Più del 20% del ferro EME introdotto con la dieta viene assorbito a livello intestinale, mentre meno del 5% del ferro non EME viene assimilato.
Dobbiamo aggiungere, inoltre, che alcuni tipi di vitamine facilitano l’assorbimento del ferro.
Una di queste è la Vitamina C.
Allo stesso modo va detto che alcune, altre sostanze (alcuni tipi di fibre), possono interferire con l’assorbimento del Ferro. L’acidità gastrica favorisce l’assorbimento del ferro.
Nel suo caso, con tutta probabilità, occorre mantenere i “serbatoi” di Ferro dell’organismo parzialmente riempiti, o attraverso la somministrazione esogena di ferro, per via farmacologica (quindi aggiungendo ferro dall’esterno attraverso appositi farmaci), oppure introducendo alimenti che contengono Ferro in quantità sufficienti per ristabilire un equilibrio del minerale all’interno dei suoi distretti corporei. Ci sono alimenti vegetali contenenti Ferro (radicchio, spinaci), ma come abbiamo già detto sopra, questo tipo di Ferro (non emico) non viene assorbito in maniera rilevante.
Non trascuri di verificare che alla base dell’anemia sideropenia non vi sia un’altra causa.
Consulti anche un ematologo e faccia gli esami del caso.
CORDIALI SALUTI
dott. Massimo Scorretti
Cardiologo Ematologo

[#2] dopo  
Utente 296XXX

Gentile Dr Scorretti

la ringrazio per la velocità e chiarezza della risposta. Incrementerò il ferro sia come farmaco che con l'alimentazione e ripeterò successivamente le analisi..

Mi rimane ancora il dubbio delll'emoglobina per cento con valori a 101,1 ......

Un cordiale saluto e buon lavoro