Utente 325XXX
Salve Dottore,

spero di essermi rivolto alla sezione giusta.
Io sono un ragazzo affetto da favismo e ho intenzione di fare un tatuaggio.
Poiché sono al corrente che l'hennè, utilizzato per la realizzazione di tatuaggi non permanenti può scatenare crisi emolitiche voglio avere certezza che questo non avvenga anche con quelli normali.
Documentandomi su internet non ho trovato nessuna spiegazione certa, solo alcune testimonianze di fabici che hanno tatuaggi e non hanno avuto problemi, o consigli di indicare al medico il tipo di inchiostro per vedere se ci sono problemi.
Io mi trovo in spagna per studiare e mi sono rivolto da un tatuatore per chiedergli la composizione dell'inchiostro nero, lui mi ha dato il numero di registro sanitario che è AEMPS: 403-PE e la composizione : acqua, CI 77266, glicerina, Hamamelis Virginiana e alcohol.

La ringrazio per l'attenzione e la risposta,
Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il favismo non è un'allergia e non vedo controindicazioni al tatuaggio che, comunque, deve essere effettuato con tutte le condizioni di sterilità del materiale usato
Un saluto

A. Baraldi