Utente
buongiorno, sono un donna di 37 anni affetta da favismo, soffro di ipertensione che cerco di controllare con l'alimentazione al momento, probabilmente c'è anche una tendenza al diabete ma devo approfondire... non assumo alcun farmaco tranne al bisogno deltacortene, contramal e cetirizina, in caso di febbre assumevo ex Aleve ora Lasonil ma ho iniziato ad avere reazioni cutanee strane e ho smesso subito, ad oggi, se prendo l'influenza o la febbre io NON SO COME CURARMI! Ho usato poche volte Augmentin in caso di estrema necessità (ho avuto la bronchite 3 volte lo scorso anno e 1 volta a gennaio di quest'anno). Le analisi che cerco di fare un paio di volte l'anno mostrano sempre un'anemia, anche nei periodi in cui non ho assunto alcun farmaco e il valore del G6PDH è sempre più basso... ora mi chiedo, qualora dovessi essere contagiata dal Covid-19, io come mi curo?? cosa mi succede se mi dovessero dare dei farmaci che non tollero?
poiché il mio datore di lavoro evidentemente non è un medico, come posso fare in modo di poter stare a casa utilizzando la modalità di smart working cercando di evitare di ammalarmi mettendo a rischio la mia vita e quella di mia figlia di 6 anni?
esiste un'autorizzazione, un'esenzione, un qualcosa che possa consentirmi di esentarmi dal lavoro?
ho paura, per me ma soprattutto per la mia bambina, non so veramente cosa fare... ATTENDO FIDUCIOSA VS RISCONTRO.

Grazie

[#1]  
Dr.ssa Maria Grazia Bisconte

24% attività
16% attualità
12% socialità
COSENZA (CS)
SARACENA (CS)
VILLAPIANA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2019
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
per i portatori di favismo esiste un elenco di farmaci, ben conosciuto dai medici ed anche facilmente reperibile in rete, cui attenersi in caso di necessità. Nel caso specifico: infezione da Covid 19 e prescrizione di eventuali terapie specifiche, attualmente è in corso un protocollo ( dedicato ai pz paucisintomatici) che prevede l'utilizzo di Clorochina. Questo farmaco nei soggetti affetti potrebbe scatenare una crisi emolitica. Potrebbe rendersi necessaria pertanto una valutazione circa la opportunità di prescrizione, valutando benefici reali e rischi ipotetici. Per quanto riguarda la terapia antipiretica è consigliato l'uso del Paracetamolo (non le associazioni di Paracetamolo con Vit. C), poichè è considerato l'unico antipiretico sicuro anche per chi è affetto da favismo. Non sono consigliati i preparati a base di FANS.
Al momento non credo ci siano esenzioni particolari per i portatori di favismo, ma avendo una figlia in età scolare potrebbe usufruire dei congedi parentali specifici. Deve valutare il tutto con i suoi datori di lavoro e/o con gli uffici INPS.
Cordialità
Dr.ssa maria grazia bisconte