Utente 140XXX
Buonasera. Mi è stata diagnosticata la tiroidite di Quervain. Ho avuto la febbre (37.8/38.2) per 3 settimane. Nell'ultima settimana ho avuto solo decimi (36.8/37.4). Sono 3 settimane che sono a casa. Ad oggi le mie analisi sono le seguenti:
ft3: 7.30; ft4: 3.50; tsh: 0.04 ves: 85 mm (I ora) 155 mm (II ora) 81.3 (indice di Katz) pcr: 144
Prima domanda: come ho preso questo virus?
Seconda domanda: l'esito della scintigrafia mi confermerà con sicurezza la diagnosi?
Terza domanda: che accortezze devo avere nella mia alimentazione o nel riprendere la mia vita privata? A cosa devo fare attenzione? E soprattutto posso uscire e riprendere la mia vita lavorativa?
Quarta domanda: qual è la cura per questa malattia?
Quinta domanda: è infettiva? I miei familiari devono fare esami?

La ringrazio molto e Le auguro buone feste.


[#1]  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
La Tiroidite subacuta, tende spesso a regredire spontaneamente, nell'arco di qualche mese. La Scintigrafia aiuta sicuramente nella diagnosi, ma quello che e' fondamentale e' il quadro clinico, caratterizzato spesso da dolore febbre e tachicardia, e quello laboratoristico in particolare la ves elevata. La terapia mira sostanzialmente alla gestione della sintomatologia, soprattutto il dolore, la febbre e la tachicardia, e la sua indicazione o meno va valutata dall'endocrinologo che la segue.
La probabile eziologia e' virale, ma non si puo' stabilire con certezza quale essa sia.
Le segnalo anche un piccolo articolo divulgativo in merito.

https://www.medicitalia.it/minforma/endocrinologia/312-la-tiroidite-subacuta.html
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
https://www.medicitalia.it/s.dimartino