Utente 157XXX
Sono una ragazza di 20 anni peso 55 kg affetta da tiroidite di hashimoto. Nelle prime due visite specialistiche mi fu prescritto l'eutirox da 50 mg nonostante i valori di TSH, FT3 e FT4 fossero nella norma ma perchè "si stavano per formare dei noduli" mi dissero. Però entrambe le volte che somministravo questo farmaco in questo dosaggio dimagrivo di 5 kg e sfasava il valore del TSH. Allora il mio attuale medico endocrinologo mi ha consigliato di non assumere più il farmaco e di non prendere niente dato che i 3 valori di cui sopra, controllati una volta ogni mese, sono perfettamente nella norma e non ho altri problemi di ritardo di mestruazioni o insonnia o altro.. niente di niente.. solo tachicardia nella norma. Ora il mio dubbio è: c'è la possibilità che non prendendo l'eutirox la mia tiroide si "consumi" pian piano? O comunque che nascano questi noduli di cui nelle prime visite mi avevano parlato? Da specificare poi che nell'ultima visita dal mio attuale medico eseguii l'ecografia e lui non mi mise in allarme su alcun nodulo. Poi ho sentito durante una mia lezione all'università (studio una professione sanitaria) che la tiroidite di hashimoto va in ipotiroidismo perchè si "consumano" le cellule tiroidee per gli anticorpi che la attaccano in continuazione. Ma allora perchè io ho tutti i sintomi dell'ipertiroidismo(non sono veri e propri sintomi come dicevo prima, più che altro delle affinità): tachicardia anche se nella norma, sono magra pur mangiando tanto?

[#1]  
Dr. Domenico Russo

32% attività
0% attualità
12% socialità
CASORIA (NA)
CAPUA (CE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
la tiroidite di Hashimoto può esitare in un ipotiroidismo ed in quel caso è necessario praticare la terapia sostitutiva con eutirox. Condivido la scelta dell'ultimo endocrinologo e le consiglio solo un monitoraggio della funzionalità tiroidea. Per quanto concerne la sintomatologia che riferisce, tra l'altro molto sfumata, se non ci sono alterazioni del profilo ormonale non è riconducibile ad una disfunzione tiroidea.
Saluti
Dr. Domenico Russo
endocrinologo