Utente 390XXX
Salve, ho deciso di iscrivermi a questo forum e chiedere un Vostro gentile consulto perchè mi sento preoccupato per quanto riguarda in generale la mia Tiroide ma nello specifico il nodulo che mi è stato trovato ieri nell'appuntamento per la ecografia della tiroide. Riporto il testo della diagnosi così com'è:
“La ghiandola tiroidea, in sede, con profilo posteriore arrotondato, è nella norma per dimensioni (48x15x14 e 41x11x17 mm nel diametro longitudinale, laterolaterale ed antero-posteriore rispettivamente a destra e a sinistra). E' presente una discreta e diffusa ipoecogenicità e disomogeneità ecostrutturale del parenchima ghiandolare, a destra, in sede paraistmica, si rileva una formazione nodulare solida, ovalare con margini regolari, di circa 9x3 mm di diametro, ad ecostruttura disomogenea, iso-ipoecogena con alcune microcalcificazioni nel contesto e debole vascolarizzazione perilesionale alla valutazione ColorDoppler.Tali aspetti sono compatibili con una condizione di tiroidite autoimmune con singolo nodulo per la cui ulteriore valutazione si consiglia dosaggio degli ormoni tiroidei, degli autoanticorpi specifici
nonché consulenza endocrinologica. In regione laterocervicale, bilateralmente, si riconoscono alcune tumefazioni linfonodali con caratteristiche morfo-ecostrutturali di tipo reattivo di dimensioni comprese tra 17 mm e 4 mm di diametro. All'angolo della mandibola, bilateralmente, si rilevano due tumefazioni linfonodali di tipo reattivo di circa 20 mm di diametro a destra e di circa 15 mm di diametro a sinistra.
La trachea è in asse.”
Gli esami del sangue, risalenti al Giugno 2015, sono i seguenti:
TSH (3a generazione) 2.350 µU/ml
FT3 (met. chemiluminescenza) 3.40 pg/ml
FT4 (met. chemiluminescenza) 1.00 ng/dl
Ac. ANTI TIREOPEROSSIDASI 90.69 (Ul/ml
Ac. ANTI TIREOGLOBULINA 27.29 U/ml
HTG (tireoglobulina) 1.1

Dopo questo, voglio informarvi che casi di problemi alla tiroide in famiglia c'è ne solo uno ed è mia madre, la quale prende ogni giorno (da più di 15 anni) una compressa di EUTIROX 75. Inoltre, per quanto mi riguarda, l'ecografia tiroide precedente l'avevo fatta nel dicembre 2011 e non era presente nessun nodulo, c'era solo una presenza bilateralmente di tumefazioni linfonodali di tipo reattivo dove la maggiore era localizzata a sinistra con un dimetro di 13mm.
Questo problema ai linfonodi può essere causato dai molari del giudizio? entrambi erano posizioni orizzontalmente, creandomi abbastanza fastidi e dico "erano" perchè uno (quello sinistro) mi è stato estratto a fine ottobre del 2015, mentre per l'unico rimasto se ne parlerà il prossimo anno per l'estrazione.
In conclusione, secondo Voi, questo nodulo mi deve realmente preoccupare?? Anche perchè sono da circa 6 mesi che ho un fastidio perenne in gola, come se fosse sempre in pressione da qualcosa, respiro e mangio bene ma il fastidio sta diventando un qualcosa di insopportabile..
Rimango in attesa di una Vostra gentile risposta, vi ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr.ssa Alessia Sagazio

28% attività
0% attualità
12% socialità
CIVITANOVA MARCHE (MC)
SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP)
ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)
ANCONA (AN)
PESCARA (PE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente ilnodulo descritto all ecografia è un nodulo subcentimetrico di primo riscontro per cui al limite per esame citologico tramite agoaspirato tiroideo ( consigliato per noduli maggiori di un cm). Le consiglio visita endocrinologica. Saluti
Dr. Alessia  Sagazio
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo
Pescara Teramo Ascoli Piceno Macerata Ancona

[#2] dopo  
Utente 390XXX

La ringrazio Dott.ssa per la sua gentile risposta. Nel mentre, proprio tre giorni fà, ho fatto la visita endocrinologica ed ho in programma l'agoaspirato tra 19 giorni. A dire il vero sarei un pò preoccupato ma non tanto per questo controllo, che comunque incrocerò le dita, ma più che altro per il fatto che l'endocrinologo mi ha consigliato e prescritto una gastroscopia poiché, secondo il dottore, questo fastidio del nodo in gola può essere causato da un reflusso gastroesofageo. Al ché oggi avevo la gastroscopia, ma purtroppo non sono riusciti a farmela e, ahimé, dovranno fissarmi un appuntamento per farla sotto anestesia totale e si parlerà per Gennaio. Preciso che episodi di acidità e di pesantezza ne ho avuto in passato ma non ultimamente ed attualmente questo nodo in gola che mi sento ogni momento, non mi da bruciore. Quindi, secondo Lei Dottoressa, cosa potrebbe essere questo nodo in gola? il punto esatto si trova sotto il pomo d'adamo e leggermente sopra il manubrio dello sterno e facendo una leggera pressione mi da fastidio ed anche un pò dolorante. Questo problema mi sta rendendo molto nervoso, anche perchè oltre a questo fastidio ho i linfonodi sotto mandibolari sempre infiammati ed in più ieri avevo dolore forte nella schiena parte alta, tanto da dovermi prendere una tacpirina per attenuare il dolore.
Vorrei tanto capire in linea di massima cosa può essere questo nodo in gola che mi sta accompagnando in ogni momento delle giornate.
Grazie Dottoressa... rimango in attesa di una Sua Risposta
Saluti

[#3] dopo  
Dr.ssa Alessia Sagazio

28% attività
0% attualità
12% socialità
CIVITANOVA MARCHE (MC)
SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP)
ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)
ANCONA (AN)
PESCARA (PE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Gentile utente sono d'accordo con il cpllega collega circa il consiglio della gastroscopia vedrà che tutti i fastidi nella regione toracica sono legati alla gastrite. Ci tenga aggiornati. saluti
Dr. Alessia  Sagazio
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo
Pescara Teramo Ascoli Piceno Macerata Ancona

[#4] dopo  
Utente 390XXX

La ringrazio Dottoressa, mi sento più rassicurato adesso. Ma per quanto riguarda i linfonodi del collo, come mai li ho sempre infiammati ed ultimamente anche doloranti sopratutto quello della parte sinistra? In più mi sento anche i muscoli del collo come se fossero sempre in tensione...

[#5] dopo  
Dr.ssa Alessia Sagazio

28% attività
0% attualità
12% socialità
CIVITANOVA MARCHE (MC)
SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP)
ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)
ANCONA (AN)
PESCARA (PE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Se i linfonodi nn sono sospetti e sono solo infiammatiori o reattivi nn deve preoccuparsi. Assuma un antifiammatorio qualsiasi quando ha dolore. Saluti
Dr. Alessia  Sagazio
Specialista in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo
Pescara Teramo Ascoli Piceno Macerata Ancona

[#6] dopo  
Utente 390XXX

Salve Dott.ssa, due giorni fà sono stato dal medico di famiglia perchè questi linfonodi sotto mandibolari (sopratutto parte destra) e quelli sotto le orecchie mi stanno sempre più preoccupando. Quindi, dopo avermi visitato, ha notato che le tonsille sono gonfie (sopratutto quella destra che sento maggiormente oltretutto) e con qualche "placchetta" e quindi il medico mi ha prescritto una cura antibiotica con Augmentin Amoxicillina + acido clavulanico da prendere ogni 12 ore per 6 giorni, più cortisone Bentelan per 7 giorni di cui i primi 3 due pastiglie al giorno e i rimanenti una al giorno dopo pranzo. Ad oggi però, terzo giorno di cura, non noto alcun miglioramento ed è rimasto tale e uguale a prima. Sto notando anzi un pò di acidità da quando ho iniziato a prendere l'antibiotico ma i linfonodi son sempre fastidiosi. In tutta sincerità ogni giorno che passa mi sto sempre più preoccupando, a fine Ottobre mi hanno tolto un molare del giudizio (a sinistra) credevo che con questa estrazione i fastidi pian piano si sarebbero dissolti, invece sto notando solo peggioramenti e vorrei tanto capire cosa effettivamente può essere la causa di tutto questo. secondo Lei Dott.ssa cosa devo pensare e cosa dovrei capire?
Grazie anticipatamente