Tiroide hashimoto e nodulo ipoecogeno

Buonasera, qualche mese fa al mio ragazzo è stata diagnostica una tiroidite autoimmune.


3 mesi fa é tornato al controllo e l’endocrinologo ha visto un nodulo con margini ben definiti IPOecogeno e solido.


Ha detto di rifare un controllo dopo sei mesi.


Leggendo su internet ho visto che I noduli ipoecogeni sono segno di malignità e sono un po’ preoccupata.

Inoltre ho letto che il fatto che sia uomo e che sia un nodulo singolo sono anch’essi segnali di malignità.

Sono una ragazza molto ipocondriaca e ho paura che sia un nodulo maligno.
Nel caso lo fosse cosa dovrà fare?
Quante probabilità ci sono che guarisca senza avere problemi e recidive?
[#1]
Dr. Dario Genovesi Medico nucleare 71 11
Buongiorno,
è vero che un nodulo ipoecogeno singolo in un soggetto maschio con tiroidite autoimmune debba essere considerato con un'attenzione maggiore, ma non è il caso di farsi prendere dal panico.
Innanzitutto sarebbe importante sapere le dimensioni del nodulo: se queste sono inferiori ai 10 mm è corretto rivedere ecograficamente il nodulo dopo qualche mese per decidere come procedere con l'iter diagnostico.
In caso di noduli singoli con dimensioni di almeno 10 mm è consigliabile eseguire esame citologico mediante agoaspirato.
Il 95% dei noduli (è bene ricordarlo) è di natura benigna e la maggior parte di quel 5% di noduli maligni sono ben curabili e, nella maggior parte dei casi, guaribili con la sola chirurgia.
La saluto cordialmente

Dott Dario Genovesi

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio