Utente 415XXX
Gentilissimi, ho 49 anni e da un controllo ematico é risultato un tsh altissimo (137,36). Il curante mi ha detto che il valore é veramente alto e di tornare da lui per prescrivermi altri esami (ft3, ft4, ormoni tiroidei) ed una eco alla tiroide. E' l'iter corretto? I miei sintomi sono una grande stanchezza e doloretti intermittenti diffusi alle ossa (caviglie, ginocchi, spalle, polsi, mani): possono essere ricondotti a problemi della tiroide? Grazie infinite.

[#1] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
Si l'iter e' corretto, e i sintomi possono essere correlati ad un ipotiroidismo primario. Consulti quanto prima un endocrinologo della sua citta'.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#2] dopo  
Utente 415XXX

Grazie per la celere risposta. Prenderò l'appuntamento e le farò sapere.

[#3] dopo  
Utente 415XXX

Finalmente ho tutti gli esiti degli esami effettuati:
EMATICI:

TSH 98,63
FT3 2,84
FT4 0,62
Ab Anti Tireoglobulina Inf. a 280
Ab Anti Perossidasi Tiroidea 850
Ab Anti Recettori TSH Inf. a 1,0

ECOGRAFIA COLLO:
Entrambi i lobi della tiroide risultano di dimensioni sostanzialmente regolari con diametro A.P. massimo ciascuno di circa 1,6 cm. L'ecostruttura di entrambi i lobi tiroidei é finemente inomogenea con ecogenicità ridotta e con sfumate aree ipoecogene non ben delimitabili e la valutazione ecocolor doppler consente di documentare un discreto incremento del flusso del microcircolo parenchimale tiroideo reperti che possono essere in rapporto ad alterazione di tipo tiroiditico da valutare comunque con opportune indagini ematochimiche. Non alterazioni documentabili a carico delle restanti struttire del collo, in particolare non tumefazioni di tipo linfonodale.

Mi sono poi sottoposto a visita endocrinologica con il seguente esito:

Ipotiroidismo primitivo su base autoimmune.
Consigliata terapia (che ho già iniziato) con Eutirox con questo schema:
- 25 mcg 1 cp. al dì per 7 giorni
- 25/50 a giorni alterni per 10 gg.
- 50 mcg per 10 gg.
- 50/75 a gg. alterni per 10 gg.
- 75 mcg. a seguire

Controllo valori ematici dopo 2 mesi e nuova rivalutazione endocrinologica.

Chiederei cortesemente cosa ne pensate di questo iter?
Soprattutto mi persistono ormai da quasi 2 mesi i dolori alle giunture ossee (mani, polsi, spalle, ginocchi, caviglie) che mi preoccupano. Possono essere in relazione alla patologia tiroidea o sono una cosa a se stante?
Ancora infinite grazie per il vostro grande servizio.

[#4] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
L'impostazione mi sembra corretta, e col procedere della terapia, dovrebbe rientrare anche il quadro clinico.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#5] dopo  
Utente 415XXX

Quindi anche i dolori ossei possono essere in relazione alla patologia tiroidea?
Grazie infinite per la vostra gentilezza.

[#6] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
La definizione di dolore osseo, va valutata clinicamente. Stando letteralmente alla definizione da Lei riportata dico di no, ma non avendo un riscontro clinico diretto devo per forza rimandare il suo quesito all'endocrinologo che la segue.
Possono, essere a volte erroneamente riferiti come generici dolori ossei anche delle artralgie o mialgie, che sono spesso presenti nell'ipotiroidismo conclamato.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#7] dopo  
Dr. Domenico Russo

32% attività
0% attualità
12% socialità
CASORIA (NA)
CAPUA (CE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
concordo in tutto con quanto riportato dal collega Di Martino. Voglio aggiungere che la terapia sostitutiva, soprattutto nelle forme di ipotiroidismo post tiroidite autoimmune (da cui Lei sembra essere affetto), si raggiungono con dosi variabili di levotiroxina (eutirox) in relazione all'età, al peso, al tipo di attività svolta dal paziente e che il dosaggio definitivo va raggiunto con un certa gradualità, così come le ha consigliato il suo endocrinologo. Concludo con una nota di sicuro conforto: una volta raggiunto il dosaggio di eutirox, per lei congruo, gran parte, se non tutti i sintomi che ha riferito scompariranno
Dr. Domenico Russo
endocrinologo