Pillola contraccettiva diane ed equivalenti

Salve a tutto lo staff dei gentilissimi,
ho delle perplessità su un paio di contraccettivi orali ormonali e scrivo a nome della mia ragazza, essendo io uomo.

Dunque, alla mia ragazza è stata prescritta Diane, la formulazione con 2 + 0.035 (a doppio contraccettivo).

Sul foglietto illustrativo è scritto che tale farmaco va prescritto in caso di problemi dermatologici (acne resistente ad altre terapie) e, cito testualmente "sebbene il farmaco abbia proprietà contraccettive, NON DEVE ESSERE PRESCRITTO A TALE FINE".
Diane, in questa formulazione, costa intorno ai 4 euro.

E' stato quindi prescritto un altro farmaco contraccettivo, anzi, 2 (perché sembrerebbe che i contraccettivi con questi principi attivi siano difficili da reperire). I farmaci in questione sono Belara ed Eve (entrambi con la stessa formulazione e gli stessi principi attivi di Diane di cui sopra). Il primo costa intorno ai 14.50€ e l'altro intorno ai 13€.

Le conclusioni a cui sono giunto sono due: Se su Diane è scritto che va usato solo per problemi dermatologici e NON specificamente per questioni contraccettive...io CREDO nella BUONA FEDE della casa farmaceutica di Diane e, sospetto, tale indicazione venga fornita al paziente perché, evidentemente, usare il farmaco in maniera impropria potrebbe FAR MALE ALLA SALUTE DI QUEST'ULTIMO.

Poi però, noto che esistono due farmaci, con la stessa ESATTA (o quasi, salvo qualche microgrammo di differenza dose di Diane) dose degli STESSI principi attivi, e con la stessa modalità di assunzione (21 giorni con 7 di riposo) che costano oltre il doppio, sono assolutamente sicuri (salvo gli effetti collaterali e i fattori di rischio, comuni a tutti e tre i farmaci) e possono essere usati anche per grandi periodi, come tutte le pillole contraccettive, ritenute a loro volta sicure anche per periodi prolungati di tempo (sempre salvo le controindicazioni, ripeto, comuni a tutti e tre i farmaci).

La domanda diventa la seguente: davvero qualche microgrammo di differenza è così cruciale, oppure l'avviso è semplicemente una strategia della casa farmaceutica per non farmi comprare un farmaco che costa di meno ma è efficace uguale? Perché, essendo farmaci tra loro equivalenti, o per la contraccezione fanno male tutti e tre (o insomma, qualsiasi sia la motivazione per cui ciò che vale per non rendere indicato Diane per questo scopo vale anche per gli altri due), oppure la differenza per cui uno non è consigliato e gli altri due si sta solo nel prezzo.

Spero voi possiate darmi una risposta soddisfacente, visto che le mie osservazioni sono da persona competente in ingegneria e calcolo, non da competente in farmacologia, per cui potrebbero essere anche completamente errate.
Grazie in anticipo e spero in una vostra rapida risposta.
[#1]
Dr. Tommaso Vannucchi Farmacologo, Psichiatra, Tossicologo 6,8k 336 1
Gentile utente
si tratta di aspetti correlati alla registrazione del farmaco in quanto se sono equivalenti devono avere la stessa composizione e quindi possono utilizzarsi per le stesse indicazioni

Tommaso Vannucchi

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test