Utente
mi chiamo Tiziana e ho 20 anni. Fin dall'età di 15 anni soffro di colite ulcerosa e dalla più recente cartella clinica risulta la seguente diagnosi:colite ulcerosa sn. Micosi esofagea. Dall'esame istologico risulta: frammenti di mucosa colica sede di colite ulcerosain fase attiva.
Sto seguendo la seguente terapia:
Dieta libera
asacol 800
asacol gel rettale
deltacortene 30
azotioprina 50
Sarebbe cosi gentile da indicarmi altre terapie che escludano il cortisone (che assumo continuamente da 8 mesi e che non riesco a a lasciare), se l'azotioprina che assumo da 3 mesi potrebbe presentare col tempo maggiori effetti collaterali (dal momento che ho riscontrato eccessivo appetenza e gonfiore) e gli inconvenienti di un eventuale intervento chirurgico? Attendo una sua risposta e le porgo i miei più cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giampaolo Bresci

20% attività
0% attualità
0% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2001
gent.ma sig. Tiziana
non è semplice rispondere alla sua domanda così complessa senza poter visitare il paziente. La RCU è una malattia cronica che si tratta proprio con steroidi(anche se solo per la fase acuta) e con immunosopressori per molto tempo se il soggetto non risponde alla terapia con steroidi e 5ASA .Le consiglio di discutere del problema con il suo gastroenterologo
cordiali saluti
Giampaolo Bresci
Dr. Giampaolo Bresci
Direttore U.O.C. Gastroenterologia e Malattie del Ricambio,AOUPisana

[#2]  
Dr. Domenico Stillittano

20% attività
0% attualità
0% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
DESIO (MB)
MILANO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
Sono daccordo con il collega Bresci che ho il piacere di conoscere. Certamente la cosa più indicata è magari una maggiore "personalizzazione" del dosaggio del cortisone. La terapia comunque è basata sui capisaldi di cui sopra. Per l'approccio chirurgico, sicuramente aspetterei. Saluti.

[#3]  
Dr. Roberto Mangiarotti

28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2004
Cara Tiziana,
la colite ulcerosa è una malattia cronica che normalmente risponde bene ai farmaci che stai assumento. Non specifichi però quante compresse assumi di Asacol e quante di Azatioprina. Il cortisone va assolutamente sospeso anche se gradualmente perchè è la causa degli effetti collaterali che elenchi (aumento del senso della fame, il gonfiore, la micosi). Occorre eventualmente aumentare la posologia dell'asacol e/o dell'azatioprina o sostituirli con altri farmaci. Non mi dici quante evacuazioni presenti al dì e se hai dolori addominali o abbondanti perdite di sangue. L'azatioprina è un farmaco normalmente ben tollerato ma occorre effettuare periodici controlli dell'emocromo, amilasi e lipasi. Devi inoltre considerare che l'azatioprina impiega circa 3 mesi prima di espletare il suo reale effetto terapeutico quindi potremmo attenderci un miglioramento nei prossimi tempi. puoi continuare inoltre con la dieta libera e con le terapie locali.
Di intervento chirurgico non voglio al momento neanche parlarne. Mi sembra proprio prematuro.
Fammi sapere notizie.
Dott. Roberto Mangiarotti

[#4]  
Dr. Giorgio Chiummo

24% attività
0% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Gentile amica, la RCU ha un protocollo terapeutico obbligato, e quindi apsetterei prima di prendere decisioni di cui pentirsi presto. Sulla parte farmacologica hanno già risposto esimi colleghi presenti in list, e io non voglio aggiungere altro.
Mi permetto però di suggerire qualcos'altro: infatti questo genere di malattie ha una forte componente psicologica alla base. Sarebbe perciò utile un approccio integrato gastroenterologo-psichiatra per permettere alla terapia in atto di agire meglio e più in fretta. Ritengo infatti che una psicoterapia mirata gioverebbe moltissimo alla terapia soprattutto nella sua fascia d'età.
Auguri

[#5]  
Attivo dal 2004 al 2010
Cara amica la colite ulcerosa, da più parti indicata a genesi autoimmune, merita di essere suffragata dagli appositi test immunologici, oltre che da esami endoscopici. Concordo che la terapia cortisonica non dovrebbe costituire un trattamento a lungo termine. Corregga la flora batterica intestinale e non sottovaluti la micosi. Cordialmente.