Utente 484XXX
gent. dott. desidero richiedere un vostro consiglio su cosa posso fare per il reflusso che continua a provocarmi una persistente e fastidiosa tosse.Vi riassumo un breve quadro clinico: dopo vari accertamenti quali esofagogartoscopie (una nel 2004 un'altra nel 2007),ecografie, RX toraciche,ecotomografia addome,eco colr doppler, manometria esofagea stazionaria, PHmetrica, studio transito gastrico,ed infine tubo digerente prime vie ( doppio contrasto), mi é stato diagnosticato dal chirurgo,da cui sono andata per eventuale intervento chirurgico,che l'ernia jatale di cui soffro e il reflusso esogageo che mi provoca tanta tosse non si risolvono con un'intervento in quanto il reflusso é provocato principalmente dalla"quasi nulla motilità dello stomaco';da cio mi consiglio' una terapia di ESOPRAL 40 x due + peridon ed gaviscon al bisogno.Ora mi trovo,due-tre mesi ad avere ancora accessi di tosse e comincio a sentire il peso del dosaggio alto; vorre un vostro parere su cosa posso fare per migliorare la motilità dello stomaco; grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Mi sembra che l' iter diagnostico sia stato completo.Forse solo il parere di un otorinolaringoiatra potrebbe aggiungere qualcosa. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 484XXX

posso completare l'informazione assicurandovi che ho effettuato sia una visita da uno specialista otorinolaringoiatra, che ho inoltre eseguito una ecografia tiroidea e un BREATH TEST senza che mi fossero riscontrate evidenti anomalie in piu' nel maggio 2004 mi sono sottoposta a una serie di 6 sedute di agopuntura ( che mi avevano dato un lieve e temporaneo sollievo) ora come già specificato in precedenza,mi ritrovo ancora con dei forti accessi di tosse sempre a causa del reflusso esofageo. grazie ancora per la vostra cortesia.

[#3] dopo  
Utente 484XXX

Gentilissi dott.desidero riscrivervi ancora una volta in quanto sto ancora soffrendo di reflusso gastroesofageo nonostante sia in terapia da oltre sedici mesi con ESOPRAL40 + 20 con GAVISCON SCIROPPO e per un periodo di tre-quattro mesi anche con RANIBLOK 300mg(poi sospeso per incapacità di assorbimento). la mia domanda é questa: cosa posso fare dopo un così lungo periodo di terapia tenendo presente che il mio reflusso dipendo dalla quasi totale dismotilità dello stomaco? accertata con STUDIO TRANSITO GASTRICO (T/2 OLTRE I 95 mimuti)+TUBO DIGERENTE PRIME VIE(...peristalsisimmetrica ma svuotamento gastrico notevolmente rallentato con note di antiperostalsi...)
Cosa posso aspettarmi dopo un cosi lungo periodo di trattamento con questi dosaggi senza averne tratto alcun beneficio?
Cosa posso fare per migliorare la mia dismotilità?
ancora tante grazie per la vostra pazienza. Distinti saluti

[#4]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Purtroppo, come avra' constatato personalmente, non esiste una terapia medica o chirurgica codificata per la terapia della patologia che le e' stata diagnosticata, credo quindi che l' unica soluzione ragionevole sia affidarsi ad uno specialista e seguire le indicazioni anche se nell' immediato possono non risultare efficaci e richiedere modifiche di terapia, ammesso che tra la tosse e il ritardato svutoamento gastrico ci sia in effetti un rapporto causa-effetto.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#5] dopo  
Utente 484XXX

Ancora un sentito ringraziamento per la vostra cortesee sollecita risposta,per un'ultimo e definitivo chiarimento devo riconfermarvi che : sì é stato appurato da tre anni di accertamenti che la tosse é la risultante della risalita in esofago degli acidi gatrici a causa dell'ernia iatale aggravata dalla dismotilità dello stomaco.
Rinnovo a voi tutti il mio grazie e aspetto giorni migliori