Utente
Buonasera,
qualche giorno fa mentre facevo degli esercizi addominali bassi tirando su le gambe contemporaneamente da terra a mezza altezza, ho notato un rigonfiamento tra lo sterno e l'ombellico che ha dato la forma al mio addome di una chiglia di una barca (solo quando era in tensione mentre a riposo riprende la sua forma abituale).

Circa 6 mesi fa mi è stata diagnosticata una gastrite cronica moderatamente corrosiva, che mi ha dato, tra gli altri, sintomi di gonfiore addominale e aerofagia. La tensione addominale provocata dalla gastrite può essere collegata a quanto suddetto?

Preciso che nel mese di gennaio ho fatto un'ecografia epatica, per mezzo della quale è stata evidenziata "solo" una steosi epatica, il resto tutto nella norma.

Ho 48 anni, sono alto 1,91 cm e peso 110 kg.. Per la mia struttura fisica sono in sovrappeso di circa 15 kg.

Di cosa potrebbe trattarsi?

Vi ringrazio per l'attenzione.

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Potrebbe semplicemente trattarsi di un rigonfiamento causato dalla diastasi dei muscoli retti dell'addome ovvero un rilassamento di quella fascia addominale che mantiene tali muscoli ravvicinati. Nulla di allarmante.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Buonasera dottore, la ringrazio per la pronta risposta. Sono stato dal medico di base che mi ha confermato un rilascio muscolare e probabile ernia ombellicale. Mi ha detto che
un' ecografia non serve e che non devo fare altro, ma fare solo attenzione a non fare sforzi che possano tendere i muscoli addominali e peggiorare la situazione.

Per risolvere la cosa, mi ha detto il medico, bisognerebbe intervenire chirurgicamente, ma per come stanno le cose me lo sconsiglia vivamente.

Posso fare degli esercizi che possano rinforzare questi muscoli?

Pensa sia opportuno fare ulteriori approfondimenti strumentali accompagnati da visita specialistica?

la ringrazio.

Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
PENSO CHE SIA IL CASO DI CHIEDERE SEMPLICEMENTE UNA VISITA CHIRURGICA
Dr. Roberto Rossi