Utente
Buona sera,circa 20 giorni fa,al momento di entrare a letto avverto un indolenzimento unito a senso di gonfiore al fianco destro,lì per lì non gli do tanto peso.i giorni successivi il gonfiore non diminuisce e lo avverto soprattutto in posizione seduta o quando mi piego,ma continuò a svolgere tutte le attività quotidiane senza problemi.passati ormai più o meno 8-9 giorni il gonfiore diventa più intenso e accompagnato da qualche fitta in corrispondenza della fossa Iliaca destra,avverto dolore alla pressione proprio sulla cresta iliaca e il dolore scende fino all inguine,comincio a pensare che si tratti di appendicite infiammata e cado nel panico più totale,mi reco dal mio dottore di famiglia che mi sottopone ad una visita,mi palpa e alla pressione avverto dolore ma non al rilascio,mi fa anche un ecografia e mi riscontra la presenza di un piccolo coprolita nell appendice e un lieve inspessimento della stessa dovuto all’ infiammazione.mi da Augmentin per 6 giorni e dieta in bianco.alla fine del quinto giorno di antibiotico non notando miglioramenti mi reco dal dottore di famiglia di mia moglie che mi prescrive subito esami del sangue.faccio gli esami e non esce niente:ves 3, leucociti 5.3(4,8-10,8),proteina c reattiva 0,1.il giorno stesso mi sottopone a nuova ecografia di tutto l addome e non riesce a trovare L appendicite,ma riscontra la presenza di molta aria nell intestino e mi da spasmomen somatico 40 mg da prendere dopo pranzo e cena insieme a gasdep(integratore)poiché per lui si tratta di colon irritabile visti i risultati delle analisi del sangue.Il dolore va e viene,il gonfiore é molto diminuito ma avverto fitte in corrispondenza dell appendice,e al fianco,che diminuiscono dopo la defecazione e la fuoriuscita di aria.mercoledi ho visita con Gastroenterologo ma ho tantissima paura,soprattutto di dovermi operare,possibile che i 5 giorni di augmentin abbiano falsato i risultati delle analisi? Sono giustificabili tali fitte con una diagnosi di colon irritabile,e se il coprolita ci fosse ancora?

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Molto probabilmente si tratta di intestino irritabile.
Faccia, comunque, la visita gastroenterologica per confermare (via web non posso visitarla).
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Buonasera dottore,la ringrazio infinitamente per la tempestività,volevo aggiungere che non ho mai avuto febbre,vomito o diarrea,ho solo queste fitte localizzate in zona dell appendice,unite a senso di gonfiore,sono una persona molto ansiosa e la paura di dovermi operare non mi fa dormire la notte,avevo pensato anche di recarmi al p.s per fare nuovamente un esame del sangue ed ecografia,i risultati delle analisi potrebbero essere stati falsati dagli antibiotici?il mio dottore di base sostiene che valori così bassi non sarebbero imputabili ai soli antibiotici,ha qualche suggerimento in attesa della visita di mercoledì?la ringrazio ancora ma sono molto impaurito

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Stia sereno ed assuma fermenti lattici.
Ha ragione il suo medico.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille dottore,comincerò a prendere codex da stasera,guardando su google mi sono molto impressionato per la presenza del coprolita,che rappresenta a quanto ho avuto modo di leggere una delle principali cause di infiammazione e quindi di intervento chirurgico all appendice,le farò sapere il risultato della visita,la ringrazio infinitamente

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Bene.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno,stamattina ho nuovamente effettuato le analisi del sangue,visto che queste fitte non sono ancora andate via e la mia paura dell appendicite cresce sempre piu,la visita dal gastroenterologo mi é stata spostata al 28/02,le analisi hanno riscontrato tali valori:LEUCOCITI 5,6/VES 4 /proteina c reattiva 0,10.posso definitivamente pensare che non si tratti di appendicite ma bensi di colite con questi risultati e considerando che non prendo nessun antibiotico dapiu di dieci giorni?

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Escluderei proprio l'appendicite!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta dottore,continuerebbe la cura che mi ha prescritto il medico di base(spasmomen somatico 40mg,uno dopo pranzo e uno dopo cena uniti ad una compressa di gasdep)o ha qualche consiglio,bevo tantissimo e sto mangiando praticamente soltanto prosciutto cotto,pasta in bianco,fette biscottate e fruttini(marmellata di frutta cotta)

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Va bene la terapia
Reintroduca gradualmente i cibi (latticini per ultimi).
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
Grazie ancora dottore le faccio sapere il risultato della visita dal gastroenterologo,intanto le auguro una buona giornata

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Bene!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia